The news is by your side.

Faida Gargano:scarcerazioni; ispettori Alfano colpa del perito

14

Le scarcerazioni per decorrenza dei termini di custodia cautelare che avvennero l’anno scorso di alcuni imputati del processo sulla sanguinosa faida del Gargano davanti alla Corte d’assise di Foggia – uno dei quali accusato di 23 omicidi- non sono imputabili a singoli magistrati o a problemi di ‘disorganizzazione’; ma sostanzialmente al comportamento di un perito, colpevole di ‘totale inerzia’, ‘malizioso mendacio e perniciosa reticenza’.  E’ quanto hanno messo nero su bianco gli ispettori del ministero della Giustizia in una corposa relazione acquisita dal Csm; Csm che , anche sulla base di queste conclusioni, ha archiviato il fascicolo che aveva aperto sulla vicenda. In quel processo c’era un rilevantissimo numero di conversazioni intercettate da trascrivere, ragion per cui vennero aggiunti cinque periti ai tre incaricati in un primo momento, e poi ancora altri due. A uno di loro, Berto Vitagliano, nel dicembre del 2007 venne revocato l’incarico per ‘aver lavorato con assoluta negligenza’; non solo: l’esperto venne anche denunciato per omissione di atti d’ufficio. Ed è proprio nei suoi confronti che punta l’indice la relazione degli ispettori, che -sottolinea il Csm- è invece ‘ampiamente liberatoria nei confronti dei singoli magistrati’, parla di ‘insussistenza di profili di disorganizzazione a carico degli uffici giudicanti e requirenti’ e attribuisce ‘in buona sostanza la responsabilità dell’accaduto’ al perito. Per questa ragione e tenuto conto che non ci sono state altre scarcerazioni, che il processo si è concluso ‘con la condanna di numerosi imputati all’ergastolo’ e che uno degli scarcerati è tornato in carcere, il Csm ha archiviato il fascicolo su richiesta di cinque consiglieri. (ANSA).


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright