The news is by your side.

Manfredonia, esplode bomba: distrutto un noto bar del golfo

24

"Ci teniamo a precisarlo: non abbiamo mai ricevuto richieste estorsive, nè tanto meno abbiamo problemi di debiti. Siamo due ragazzi che abbiamo sempre lavorato onestamente". Non usano mezzi termini i proprietari del locale Havana Lunge Club in viale Beccarini a Manfredonia, distrutto questa notte a seguito dell’esplosione di una bomba. Ordigno piazzato proprio dinnanzi alla saracinesca di quello che è ritenuto uno dei bar più in voga delle notti invernali manfredoniane. La deflagrazione è stata udita in tutto il rione Monticchio del golfo sipontino. Ha distrutto completamente la parte anteriore del locale: saracinesca divelta, bancone sventrato, sgabelli e 5 frigoriferi distrutti. Un cumulo di rottami. Crollato parzialmente anche il solaio. La saletta interna, invece, ha, sì, subito l’onda d’urto della deflagrazione, ma non ha riportato grandi danneggiamenti. Difficile da quantificare l’ammontare dei danni subiti, ma stando ad alcune indiscrezioni, circolate a denti stretti, potrebbero aggirarsi intorno ai 70/100 mila euro. Ironia della sorte il locale aveva riaperto poco meno di un mese fa dopo un periodo di chiusura dovuto ad una serie di lavori di ammodernamento. Coinvolti nell’esplosione alcuni veicoli parcheggiati nelle immediate vicinanze, così come sono andanti in frantumi i vetri degli appartamenti al primo piano dello stesso immobile. "Siamo esterrefatti, non riusciamo a dare una un perchè all’accaduto – ci racconta la fidanzata del proprietario da noi intervistata telefonicamente. Per la seconda stagione consecutiva, questo era il locale più frequentato dalla movida manfredoniana. La fidanzata del titolare ci ha inoltre raccontato che: "hanno chiuso il bar verso le 4 del mattino; stavano rincasando quando hanno ricevuto la telefonata da parte delle forze dell’ordine". Ora un gruppo di avventori del locale e i proprietari stanno realizzando uno striscione riportante la scritta: "vergogna" da esporre all’ingresso. Sul fatto indagano i carabinieri della compagnia di Manfredonia.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright