The news is by your side.

Verso le Regionali 2010/ Incontro Blasi-Emiliano – I tormenti del Pd e gli alleati riottosi

17

Idv, idea Di Pietro: «Non è escluso». Vendola, il punto di partenza di ogni discorso, non aggrega più. I dipietristi pensano a Tonino.

 

Sull’Idv «non ci sono sostanziali passi in avanti», sull’Udc «c’è ancora tempo per ragionare». Anche una virgola ha un peso di questi tempi. Sergio Blasi parla ma non vorrebbe. È tornato a sentire i dipietristi in giornata ed ha appena terminato un incontro con il gruppo consiliare del Pd al Comune di Bari. Un appuntamento a cui non è voluto mancare il sindaco Michele Emiliano. Il segretario ed il presidente del Pd pugliese si sono poi presi un po’ di tempo per loro. Argomento: la candidatura di Nichi Vendola alla Regione. In seno al più grande partito del centrosinistra è il momento delle valutazioni, delle ansie ma anche dei ripensamenti.
Vendola, il punto di partenza di ogni discorso, non aggrega più. Sulla posizione dell’Idv il Pd pensa di poter ancora lavorare — una lunga telefonata ieri tra Blasi e Pierfelice Zazzera secondo il primo avrebbe lasciato la porta aperta verso un recupero. Ma a fare da contraltare a questa sensazione ieri sera è arrivata la notizia che a fronte di un definitivo assenso del Pd alla ricandidatura di Vendola l’Idv non solo andrà da sola ma potrebbe candidare anche Antonio Di Pietro in Puglia. «O c’è un gesto nobile del governatore, che rimette in primo piano la coalizione piuttosto che la sua candidatura — ha spiegato Zazzera — o con noi è rottura. Faccia lui un nome che rompa con il passato, noi valuteremo con serenità. Diversamente indicheremo un nostro candidato».
Si parla della disponibilità dello stesso Zazzera e di Carlo Vulpio, candidato alle ultime europee. E Di Pietro? «Non è escluso che voglia giocarsi lui stesso la partita» ha fatto balenare il segretario regionale. Oggi Blasi dovrebbe avere un colloquio telefonico con Di Pietro. Quanto al presunto incontro della sera precedente fra lui, Emiliano e Vendola, il segretario del Pd ha negato che ci sia stato: con il governatore ha parlato ieri mattina al telefono. Al capitolo delle reazioni all’incontro tra Raffaele Fitto e Pierferdinando Casini, Blasi ha lasciato intendere che fino alla data del coordinamento regionale del Pdl c’è spazio per lavorare ancora sull’Udc. Intanto ha comunicato ai segretari provinciali che i congressi territoriali dovranno svolgersi entro e non oltre il 17 gennaio.
Piero Rossano


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright