The news is by your side.

Sostegno ai disoccupati: sì delle sei Province pugliesi a Welfare to work

25

Dalla Giunta regionale 50 mln in attesa dei 10 mln statali.

 

Dopo l’ok della Commissione Regionale per l’occupazione e l’autorizzazione del Ministero del Lavoro, la Regione ha ricevuto il via libera delle sei Province pugliesi al progetto Welfare to work: politiche attive per il lavoro e sostegno al reddito dei disoccupati. Nei prossimi giorni l’Assessorato presenterà alla Giunta una delibera con un impegno di spesa di oltre 50 mln di euro, in attesa dei 10 mln statali.

I fondi favoriranno l’immissione sul mercato del lavoro dei cassintegrati. “Con questo provvedimento – spiega l’assessore regionale pugliese al Lavoro, Michele Losappio – l’intervento della Regione verso i dipendenti in difficoltà compie un ulteriore passo avanti sia per la rilevanza dell’impegno finanziario che per le modalità in cui si svilupperanno le misure a sostegno dei lavoratori dando maggior forze alle politiche anticrisi avviate dalla Giunta Vendola”.

VERTENZA OMNIA – La dirigenza dell’Omnia Service di Milano, società di call center in crisi di liquidità (nei call center di Modugno e Bitritto dà lavoro a 170 centralinisti), ha dato ai lavoratori in assemblea permanente garanzie sul pagamento dello stipendio di ottobre, ma non su quelli dei prossimi mesi e sul futuro dell’azienda. Una risposta che ha lasciato insoddisfatta la maggior parte dei lavoratori.

Per questo hanno deciso di non tornare al lavoro. Per tornare alle proprie postazioni i lavoratori chiedono che gli arretrati vengano pagati entro il 30 novembre per quanto riguarda la paga di ottobre e entro il 10 dicembre per gli stipendi di novembre.

L’azienda aveva proposto pagamenti al 30 novembre, 3 dicembre e 7 dicembre, ma solo per gli arretrati di ottobre a seconda dei tre diversi giorni di pagamento in base ai rispettivi contratti con scadenza 27 ottobre, 5 novembre e 10 novembre.

I lavoratori si sono riuniti di nuovo in assemblea per decidere se riprendere l’attività non appena arrivino dall’azienda garanzie scritte sui pagamenti anche di novembre oppure aspettare fino all’arrivo dei primi bonifici. Il 2 dicembre appuntamento al ministero dello Sviluppo economico.

UNIVERSITA’ – Lunedì sciopero del personale docente medico dell’Università di Bari. Domani la Cisl illustrerà le motivazioni della protesta insieme alla Federazione provinciale del sindacato, all’Associazione ricercatori universitari e all’Associazione medicina universitaria e sanità.
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright