The news is by your side.

Sulla violenza sessuale interviene l’Ordine dei Medici

21

"La misura è colma. Questa notte l’ennesimo atto di violenza nei confronti di una collega a lavoro in una sede di guardia medica", ha dichiarato il Presidente dell’Ordine dei Medici dott. Salvatore Onorati. "Da anni l’Ordine dei Medici sta ponendo il problema della continuità assistenziale al centro dei suoi interventi nei confronti delle autorità preposte alla garanzia della sicurezza delle sedi di guardia medica della provincia di Foggia". "In uno degli ultimi comunicati stampa", ha dichiarato ancora il presidente Onorati, "auspicammo di non doverci trovare a piangere il morto, prima di vedere affrontata e risolta la questione"."Tanti impegni sono stati presi in questi anni, ma ad ora non si sono ancora visti azioni consequenziali. Ancora molte sedi sono in condizioni di disagio estremo. Auspichiamo ancora un volta un rapido e risolutivo intervento della penosa situazione che mina, oltre all’incolumità, anche la dignità dei professionisti che operano di notte e nei pre-festivi e festivi a tutela della salute della nostra comunità" "Alla collega aggredita con calci e pugni con una violenza tale da richiede un ricovero in ambiente ospedaliero va ovviamente la solidarietà di tutta la categoria e la rassicurazione che non sarà lasciata sola. Fin da ora "ha concluso il dottor Onorati" l’Ordine dei Medici annuncia che si costituirà parte civile nel processo contro l’aggressore, per la salvaguardia della dignità di un professionista che non può rischiare la vita per portare a casa uno stipendio"


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright