The news is by your side.

Verso le Regionali 2010/ Pdl: il 16 dicembre ok a Dambruoso

18

 Procedono su strade parallele i toto governatori ingaggiati nelle ultime settimane dal Pdl e dal Pd: entro il fine settimana del 19-20 dicembre, infatti, le partite dovranno essere chiuse da entrambi i poli e sia in un fronte che nell’altro gli sherpa sono al lavoro per dare una stretta finale. Ieri, infatti, si è tenuta una riunione a Roma – nella sede del Pdl a via dell’Umiltà – tra i coordinatori del partito Denis Verdini, Sandro Bondi e Ignazio La Russa con il ministro della Semplificazione Roberto Calderoli. Obiettivo: chiudere gli ultimi nodi con la Lega nelle regioni del Nord.

Per la Puglia, invece, tutto sembra filare liscio sul nome di Stefano Dambruoso, anche se il premier preferisce prendere tempo sino all’ultimo per scoprire le carte (nel caso lo sfidante non sia più il governatore uscente Vendola). L’incontro è servito per fare il punto della situazione, mettere in chiaro quali sono le richieste del Carroccio e le proposte del Popolo della Libertà, ma la riunione è stata riaggiornata alla prossima settimana in modo che la Lega possa parlarne in un incontro con lo stato maggiore del partito ed anche il Pdl ne possa discutere al suo interno. La partita, hanno convenuto, dovrebbe chiudersi il 16 dicembre, quando ci sarà l’ufficio di presidenza del Pdl che dovrà tirare fuori i nomi dei governatori. Sino ad allora, massimo riserbo da parte del candidato in «pectore», consapevole com’è di essere tenuto ormai da mesi sul «braciere» del totonomine.

«Arriveremo all’ufficio di presidenza con una serie di valutazioni e proposte che il partito dovrà discutere» spiega Verdini, ben sapendo che il braccio di ferro con la Lega su Veneto e Piemonte sarà difficile. Non a caso, nel corso della riunione sono stati presi contatti anche con l’altro fronte, quello dell’Udc, impegnato a chiudere il quadro delle alleanze anche con il Pd. E nel gioco degli incastri, non è affatto da escludere che – di fronte all’impos – sibilità di chiudere con la Lega al Nord – il Pdl favorisca l’abbraccio coi centristi al Sud, onde bypassare l’accordo che D’Alema e Casini avrebbero chiuso da tempo in alcune regioni- chiave come Puglia, Lazio e Campania. «La Lega è il nostro alleato, però anche con i centristi si discute, valutando – dice Verdini – ipotesi accordi regionali. Loro sono in una fase interlocutoria». Nel frattempo, dal centrodestra regionale continuano le bordate contro il centrosinistra targato Vendola. E il consigliere regionale di An Nino Marmo bacchetta lo scorrimento delle graduatorie deciso dalla giunta per far posto ad altri 30 dirigenti. «Un’ulteriore occupazione di ruoli determinanti nell’ammi – nistrazione regionale ad opera di soggetti comunque prescelti da questo governo – dice – con conseguente, pesantissimo condizionamento del futuro della Regione, sulla pelle anche delle prossime, libere scelte del popolo pugliese. Si chiude così l’arrembaggio finale agli ultimi interstizi di potere».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright