The news is by your side.

Capodogli spiaggiati, domani primo trasferimento

23

A dieci giorni di distanza dallo spiaggiamento del branco, sono cominciate le operazioni di scavo per la sepoltura delle carcasse dei sette capodogli morti in località Capoiale sul litorale garganico tra Ischitella e Cagnano Varano, nel Foggiano. Saranno così evitati rischi dal punto di vista igienico-sanitario, paventati anche da un consigliere comunale di Cagnano Varano, che ha presentato un esposto alla Procura di Lucera (Foggia) chiedendo di indagare su eventuali ritardi. Nelle ultime ore, peraltro, si era diffusa la voce dello spiaggiamento di un altro cetaceo a Capoiale, ma non ci sono state conferme. Già martedì scorso, dopo che un’equipe di esperti aveva eseguito l’autopsia per accertare le cause della morte dei cetacei, il dipartimento di prevenzione della Asl di Foggia aveva chiesto ai Comuni di Cagnano Varano e Ischitella di firmare l’ordinanza di rimozione e sepoltura delle carcasse. Problema non semplice, soprattutto per gli elevati costi dell’operazione, che i due piccoli comuni non avrebbero potuto sobbarcarsi. Tant’è che è stato risolto in maniera più celere quello relativo all’area in cui seppellire i cetacei. E’ in località Piano Verte, in territorio di Ischitella, in una zona in cui la falda acquifera si trova a 90 metri di profondità; nelle ultime ore è arrivato anche l’ok dei geologi. Quanto alle spese per rimuovere e inumare le carcasse, la soluzione è arrivata con uno stanziamento di 150.000 euro assicurato dal ministero dell’Ambiente, al quale si aggiungerà una somma erogata dalla Provincia di Foggia. La rimozione e sepoltura delle carcasse verrà eseguita da un’impresa locale che è riuscita a reperire un macchinario, utilizzato abitualmente nelle cave, in grado di sollevare pesi sino a 300 quintali. Questo significa che i cetacei verranno seppelliti senza che sia necessario tagliarli in due tronconi, come si era ipotizzato in un primo momento viste le dimensioni dei cetacei. I capodogli – lunghi tra 12 e 14 metri e del peso di almeno 12 tonnellate – saranno avvolti in un telo speciale in modo da poter recuperare successivamente i loro scheletri per studi scientifici, come richiesto dal ministero dell’Ambiente. Domani dovrebbe iniziare il trasferimento delle carcasse, un tragitto che non supera i cinque chilometri. Nelle prossime ore, invece, potrebbero giungere i primi risultati degli esami di laboratorio eseguiti sui tessuti prelevati dai capodogli, e che dovrebbero fornire risposte sulle cause della morte. Nello stomaco di alcuni dei sette cetacei sono stati trovati molti rifiuti, soprattutto buste di plastica, che però da soli, secondo alcuni esperti, non possono aver causato spiaggiamento e morte.

(fonte Teleradioerre)


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright