The news is by your side.

La sintesi di due anni e mezzo di impegno nel settore urbanistico

19

In un incontro pubblico nella sala consiliare del Comune di Vico del Gargano.

 

La sintesi di due anni e mezzo di impegno nel settore urbanistico in un incontro pubblico nella sala consiliare del Comune di Vico del Gargano.
La relazione dell’Assessore all’Urbanistica, Massimo Fiorentino, è precisa e circostanziata, come pure le risposte alle tante domande.

Dal potenziamento dell’Ufficio Tecnico con l’assunzione tramite concorso di due nuove figure professionali allo snellimento e velocizzazione delle pratiche; nel mezzo l’inizio dell’iter burocratico per la definizione del Documento Programmatico Preliminare, approvato il 29 novembre 2009, con tanto di Sistema Informatico Territoriale che diventerà fruibile a gennaio.

Pronto anche il Piano di Protezione Civile, che in verità non ancora viene collaudato con simulazioni sul campo e il lavoro di sdemanializzazione delle aree di S. Menaio, per poter finalmente operare su strade, marciapiedi ed altro.

Fiorentino vuole dare una “svolta per raggiungere una “normalità” tanto auspicata per questo paese”: dunque una pianificazione edilizia attraverso l’approvazione, dopo più di 30 anni, del P.U.G., Piano Urbanistico Generale, obiettivo che l’Assessore Fiorentino prevede di ottenere “entro un anno”.
“La perdita di privilegi, il potere discrezionale dei politici e non, cesserà definitivamente” commenta Fiorentino, “ne siamo consapevoli e vogliamo fortemente che questo avvenga, per quel principio di normalità tanto auspicata”.

Il PUG disegnerà il futuro del paese, nella speranza che i privati credano anche nello strumento del partenariato.  Incoraggianti le proposte di riqualificazione pervenute per San Menaio: parco giochi, Torre dei Preposti, parcheggi, area adiacente la Colonia Postiglione… tutte idee progettuali realizzabili.

Interessante la lettura del prospetto riepilogativo inerente le pratiche espletate dall’Ufficio Tecnico, tra permessi di costruire e DIA, rilasciati.
Sottolineata la grande opportunità della nuova zona artigianale, rimodulata per dare a tutti la possibilità di costruirsi un capannone e un’eventuale abitazione sopraelevata, l’Assessore Fiorentino, tranquillizza tutti coloro che avevano sperato nel progetto Hospitis, annunciando la visita dell’Assessore Regionale Barbanente a Vico per il 16 gennaio, ed anticipa il reale investimento di 3 milioni e seicentomila euro per ristrutturare almeno 18 dei 42 immobili messi a disposizione dei privati, che verranno finanziati dalla Regione Puglia tramite i POR 2007-2013.

Gennaio è alle porte. Vedremo gli sviluppi.
 
Michele Lauriola 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright