The news is by your side.

Regionali 2010/ Caos Pd, Emiliano apre alle primarie «Se Vendola proprio ci tiene le faremo

20

«A patto che tutti i consiglieri regionali votino per cancellare la norma sull’ineleggibilità». Il governatore: «facciamole il 17 gennaio prima della seduta dell’assemblea» Dopo il convulso lunedì del Pd, che avrebbe dovuto indicare il candidato alle elezioni regionali (l’assemblea dei delegati è stata annullata), Michele Emiliano, presidente del partito e sindaco di Bari, apre per la prima volta alle primarie. A patto che ci sia la certezza della modifica della legge elettorale che consentirebbe al sindaco di partecipare alle votazioni senza perdere il diritto a guidare il Comune. «Se Vendola proprio ci tiene – ha detto Emiliano incontrando i giornalisti –, vuol dire che faremo le primarie. Ma a patto che venga sottoscritto un documento politico nel quale tutti i consiglieri regionali che fanno riferimento al governatore, si impegnano a votare la norma che cancella la ineleggibilità sostituendola con la incompatibilità».
Poi l’attacco al l’amico-rivale: «Vendola, dopo aver spaccato il suo partito, i Verdi, i Comunisti e l’Idv, vuole dividere anche il Pd».
La risposta non tarda ad arrivare. «Facciamo le primarie il 17 gennaio – propone il governatore – prima della seduta del Consiglio regionale, convocata per il 19, che dovrebbe esaminare l’emendamento con il quale potrebbe essere cassata dalla legge elettorale regionale la ineleggibilità dei sindaci».
Vito Fatiguso


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright