The news is by your side.

Enti locali: entrate in aumento anche in Puglia (ma senza numeri da record)

22

La nostra, ultima regione del Sud per la crescita.

 

Aumentano anche in Puglia le entrate degli enti locali. Non ci sono, tuttavia, le percentuali da record delle altre regioni del Mezzogiorno: dai 505 euro pro capite del 1999 s’è passati ai 543 euro del 2007. Secondo lo Svimez in questo periodo sono cresciute al Sud del 25% ed al Nord del 16,9%. Rispetto alle spese, però, il saldo resta negativo: aumentano, infatti anche le spese. L’analisi economica è stata, infatti, possibile in base agli equilibri di bilancio previsti dal patto di stabilità.

Il divario delle entrate tra Centro-Nord e Sud si e’ ridotto progressivamente, passando rispettivamente dal 30% al 20%, per poi arrivare nel lungo periodo a una stima differenziale del 10%. In altre parole, le entrate pro capite del Centro-Nord nel 1999 erano pari a 793 euro a valori correnti; diventano 810 nel 2007, per poi arrivare nel lungo periodo a 813.

Nel Mezzogiorno nello stesso periodo invece il recupero e’ decisamente piu’ forte: i 582 euro pro capite del 1999 salgono nel 2007 a 660 e volano nel lungo periodo a ben 730. Cio’ significa che negli anni in questione l’aumento delle entrate e’ stato pari al 25,4% del Sud contro il 16,9% del Centro-Nord. Con differenze forti da regione a regione. L’aumento piu’ consistente in Molise (613 euro nel 1999, 810 nel 2007).

Al secondo posto la Campania (da 622 a 725 euro), seguita da Basilicata (da 643 a 763 euro) e Calabria (da 572 a 664). In coda la Puglia (da 505 a 543 euro ) e l’Abruzzo (da 616 a 642). Da rilevare che nello stesso periodo Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio e Piemonte hanno visto diminuire le entrate pro capite, mentre la Lombardia e’ passata da 767 a 983 euro. Piu’ contenuta la crescita dell’Umbria, da 800 a 814 euro.

Un aumento che non ha portato sviluppo al Sud. E’ il pensiero del segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy. “I dati forniti dalla Svimez sono da attribuirsi all’autonomia impositiva degli nti locali. Negli anni la leva fiscale locale è cresciuta molto di più al Sud che al Nord . Ici, Tarsu, Addizionali comunali ed Irpef sono aumentate del 21% al Sud rispetto al 15,5% dl Nord.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright