The news is by your side.

Giornata della Shoa: il commento del presidente della provincia Pepe

21

«Bisogna conservare e tenere viva la memoria degli orrori del Novecento, ricordare la mostruosità della Shoah insegnando, in particolare alle giovani generazioni, il significato di quello che accadde in questa stagione buia dell’Europa».  È quanto dichiara Antonio Pepe, presidente della Provincia di Foggia, alla vigilia della Giornata della Memoria. «La deportazione degli ebrei, la violenza dell’olocausto, i campi di concentramento – afferma il presidente della Provincia – sono di fronte a noi come la pagina più nera della storia dell’Umanità. Un racconto di odio e di dolore che le Istituzioni oggi hanno il dovere morale e civile di ricordare, attraverso la promozione di valori di tolleranza e di fratellanza tra i popoli in grado di respingere qualsiasi rigurgito razzista e xenofobo».«Ai nostri ragazzi – aggiunge Antonio Pepe – abbiamo il dovere di trasmettere un messaggio di ferma e totale condanna per quella tragedia e per quel disegno criminale». «Con le manifestazioni che la Provincia di Foggia ha organizzato – prosegue il presidente della Provincia – abbiamo quindi voluto contribuire al rafforzamento di questa memoria e alla costruzione di un patrimonio condiviso, in grado di difendere e di rafforzare i valori di libertà e di uguaglianza alla base della nostra democrazia. Ci prepariamo dunque a vivere giorni importanti, in cui ricordare i tanti genocidi che hanno insanguinato l’Europa ed il mondo. Un sottile filo rosso – conclude Pepe – unisce infatti la memoria dell’olocausto alla tragedia della Foibe, che ricorderemo il prossimo 10 febbraio».Domani, proprio in occasione della Giornata della Memoria, la Provincia di Foggia (attraverso l’assessorato alle Politiche Educative) ed il Teatro Pubblico Pugliese hanno organizzato la rappresentazione dello spettacolo, tratto dal progetto di Enzo Quarto e Michele Tamborrino, “Lo sguardo di Abele”. Lo spettacolo, che prevede brani della testimonianza di Elisa Sprinter da “Il silenzio dei vivi”, andrà in scena alle 10.30. Alla rappresentazione sono stati invitati gli studenti di tutti gli istituti superiori della Capitanata.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright