The news is by your side.

Anche Google scende tra le vie della città Gargano

25
Da qualche giorno è possibile fare passeggiate virtuali nei centri garganici grazie al servizio Google Street View. Fa scalpore l’assenza delle immagini di Peschici

Il faro di Vieste come appare su Google Street ViewNon più solo Roma, New York, Tokyo: finalmente ora è possibile passeggiare virtualmente anche tra le strade delle cittadine garganiche. Da qualche giorni, infatti, Google Map (il più importante sito di mappe e foto satellitari in rete) ha abilitato la visione "rasoterra" anche dei centri del nostro territorio. E’ sufficiente collegarsi sul sito http://mappe.google.it, scrivere il nome della città che si vuole visitare (o utilizzare gli strumenti di puntamento e zoom) e trascinare l’omino giallo, posto in alto a sinistra della mappa, sulla via che si vuole vedere dal piano stradale.

Quello che fino a qualche tempo fa era un servizio riservato solo alle grandi città, da poche ore si è esteso anche ai centri più piccoli, compresi quelli del Gargano, quasi tutti immortalati da questo servizio ad eccezione di Carpino e (clamorosamente) di Peschici. E’ possibile girare anche tra le strade di Foggia, Manfredonia e San Severo e percorrere le principali vie di comunicazione tra i centri garganici, ad esempio la litoranea che congiunge Mattinata a Vieste.

A proposito di Vieste, è stata coperta quasi per intero, anche se manca gran parte di viale XXIV Maggio, uno dei corsi principali della città, ripreso solo nel tratto finale,  a partire dall’innesto di via Tommaseo.

Oltre a rivedere i luoghi più familiari, è possibile divertirsi con questo servizio, per esempio, individuando in che periodo sono state scattate le foto che formano questo tour virtuale. Dalle nostre ricerche, abbiamo individuato che la Google Car non ha realizzato i "servizi fotografici" negli stessi giorni: infatti se a San Giovanni Rotondo e a Monte Sant’Angelo è passata nel periodo estivo (presumibilmente nel mese di luglio), a Vieste il transito è avvenuto tra il 9 e il 10 novembre, attorno a mezzogiorno. Per giungere a tale conclusione, abbiamo analizzato l’orologio di una farmacia di corso Lorenzo Fazzini e i manifesti funebri affissi sui tabelloni sparsi in città.

Nonostante siano stati oscurati i volti per ovvi motivi di privacy, è comunque possibile riconoscere i pedoni che sono stati ripresi dalla speciale macchina fotografica che i tecnici di Google hanno montato sul tetto dell’auto che stà girando il mondo. Lasciamo ai nostri lettori il divertimento di individuare se stessi o i propri parenti o amici.

Anche se attraverso un freddo strumento informatico, restano immutate le emozioni che certi scorci del Gargano riescono a trasmettere: l’isolotto di Sant’Eufemia, il monolite del Pizzomunno a Vieste, il rione Junno o la facciata laterale del Santuario di San Michele Arcangelo di Monte Sant’Angelo, ne rappresentano solo qualche esempio.

Google Street View, come Ondaradio, tra le vie della Città Gargano.

Sandro Siena


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright