The news is by your side.

Indice di penetrazione mafiosa: secondo l’ Eurispes Foggia tra le prime province

28

Questa volta Foggia non ha ottenuto la maglia nera e questo, già di per sè, è un buon risultato. Soprattutto se l’argomento sviscerato dall’Eurispes, riguarda l’indice di penetrazione mafiosa in un territorio. Uno studio attraverso il quale si è voluto evidenziare il grado di fragilità e di permeabilità di una terra rispetto ai tentacoli della n’drangheta, della camorra, della mafia e della sacra corona unita. 24 le province delle quattro regioni (Campania, Puglia Calabria e Sicilia) maggiormente interessate dai fenomeni criminali, prese in considerazione dallo studio di Eurispes. E allora Foggia con i suoi 47.3 punti si piazza tra le prime province. E’ preceduta da Napoli dove la criminalità ha la più forte capacità nel permeare il territorio, con un punteggio di 65,4. Subito dopo c’è la provincia di Catania (52,4 punti), Caserta, Brindisi (51 punti per entrambe) e Reggio Calabria (50,5). Dopo la Capitanata ci sono Catanzaro (41,2) e Bari (41). In fondo alla lista, le province di Lecce (18,3), Taranto (24,8) e Cosenza (27,1) e Ragusa (28,4). L’indice è stato elaborato sulla base dei reati commessi ed assimilabili alle associazioni mafiose: attentati, stragi, ricettazioni, rapine, estorsioni, usura, sequestri di persona a scopo estorsivo, associazione a delinquere di tipo mafioso, riciclaggio di denaro, contrabbando, produzione e traffico di stupefacenti, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, omicidi per motivi di mafia, camorra e ‘ndrangheta.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright