The news is by your side.

Verso le Regionali/ Palese (Pdl) chiede miracolo a San Pio: «Vendola a casa»

18

Il candidato del Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese, ha cominciato a battere la Puglia per spiegare agli elettori i suoi progetti e i suoi programmi.

 

«Auspico per la Puglia un futuro migliore perché il presente che ci stanno lasciando in eredità Vendola e compagni preoccupa, Che san Pio faccia il miracolo di mandarli a casa». È quanto ha detto Palese dinanzi a una platea di simpatizzanti a San Giovanni Rotondo. Palese che ha ricordato di andare spesso a San Giovanni Rotondo per ragioni private perché devoto di san Pio ha poi parlato di Adriana Poli Bortone: «Votarla potrebbe essere un voto sprecato», ha spiegato.

Nel suo giro elettorale Palese è stato anche ad Andria. «Le alleanze tra partiti e liste sono compito dei partiti che sanno certamente farle meglio di me. Con noi abbiamo già 13 tra partiti e movimenti che insieme al Pdl sostengono il nostro progetto di rinascita della Puglia. Io le alleanze le sto facendo con la gente, con le migliaia di cittadini ed elettori che incontro in giro per la Puglia e che mi chiedono di vincere per ridare speranza alla Puglia», ha spiegato Palese.

«Da quando abbiamo ufficializzato le candidature, Vendola è scappato via dalla Puglia. Preferisce palcoscenici romani dai quali dire fesserie ed insultare il presidente del Consiglio, a palchi e piazze pugliesi in cui lo aspettiamo sperando di poterci confrontare serenamente su quello che ha fatto in questi cinque anni di Governo», ha ribadito il candidato governatore del centrodestra. «Sfido Vendola – ha detto Palese – a venire con me in una piazza o in una televisione portando con sé un giovane pugliese che abbia beneficiato del salario sociale che prometteva nel 2005; venga a dirci perchè non è stato abolito il ticket sui farmaci a tutti i pugliesi, ma solo a 600mila persone in più rispetto a quanto già fatto da noi; dica perché oggi ci sono ancora 2 milioni di pugliesi che pagano il ticket; dica perché annunciava di voler revocare il Piano sanitario Fitto come primo atto di governo e quel piano è ancora in vigore; dica perché quei 23 ospedali da noi ristrutturati ora sono stati abbandonati». «La Puglia del futuro – ha aggiunto Palese – per noi è la Puglia della speranza, che premierà il lavoro, che premierà il merito, che farà assunzioni trasparenti, che darà davvero ai giovani lavoro e non illusione. La Puglia del futuro è l’Italia di oggi, quella della concretezza del governo Berlusconi, quella del buongoverno che solo il centrodestra sa garantire». «Rocco Palese non ha avuto bisogno di vincere primarie di partito perché tutto il partito, dal presidente Berlusconi in giù, ha fortemente voluto una candidatura giusta, legittima, naturale e forte, quella di chi si è conquistato la fiducia della gente sul campo, lavorando e studiando. È il candidato del popolo e del Popolo della Libertà, il primo partito d’Italia e della Puglia», ha detto il coordinatore regionale del Pdl pugliese, sen. Francesco Amoruso. «Vendola – ha aggiunto Amoruso – ha interesse a deviare l’attenzione dal fallimento del suo Governo, quindi è passato da 5 anni di poesia ad una vergognosa raffica di insulti al presidente Berlusconi. Per questo Vendola ha deciso di aprire la sua campagna elettorale a Roma e siamo sicuri che tornerà in Puglia solo per chiudere la sua carriera politica».

«Vendola ha illustrato coerentemente una piattaforma politica di estrema sinistra. Come Bersani e D’Alema si apprestino a fare una campagna elettorale a sostegno delle proposte politiche e programmatiche di Vendola è la conferma che a sinistra regna sovrana la confusione, l’incoerenza e l’improvvisazione», commenta poi Sandro Bondi, coordinatore del Pdl.
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright