The news is by your side.

Calcio Allievi Regionali/ Nuova Gioventù Vieste – Real S.Giovanni Rotondo 3-0

27

La  Nuova Gioventù dice stop. Nello spareggio tra pericolanti, l’undici di Palatella in versione Polizia Stradale, impone la paletta a un Real S. Giovanni, imbattuto da tre turni consecutivi. Una vittoria d’oro per Medina e soci che, rilanciano la loro rincorsa alla salvezza.

 Per la formazione ospite invece, una brusca inchiodata che lascia il segno, come i pneumatici sull’asfalto, soprattutto in termini di classifica. La  Nuova Gioventù se la gode. La legge del “Riccardo Spina” inizia a rifarsi sentire, a pesare. Lo stadio si è trasformato in teatro, il tecnico in regista. Gremito il palco, affollate le gallerie. Sempre numerosi gli spettatori giunti per vedere i propri beniamini, i propri figli vincere e perché no, convincere, domenica dopo domenica. Nuova Gioventù padrona, sicura, finché ha ritenuto fosse necessario. Ma pure sornione, una vera squadra, accompagnata dagli applausi. Appuntamento sotto-porta, Scala il primo a bussare al 10′, ad aprire il portone Delli Muti, il portiere naturalmente. Vescera si produceva in un’ eccellente verticalizzazione a favore di Scala che a sua volta lasciava partire un piattone violentissimo che s’insaccava sotto la traversa, non dando possibilità d’intervenire al portiere. L’uno a zero  del primo tempo. Sorrisi dunque all’intervallo, anche sul volto di Palatella, capace di sgolarsi prima contro l’atteggiamento poco concentrato dei suoi (Ruggieri e Vetrano che trotterellavano spaesati in campo), poi  contro la sfortuna (al 15′ De Vita libera abilmente Mastromatteo, che  manda a lato da due metri). La manovra inizia a farsi costante, i ragazzi di Palatella vogliono battere il ferro finché caldo. Ci prova Sicuro al 36′, è una magia. Il suo tiro a foglia morta da 25 metri, sorvola di poco la traversa. A dire il vero la Nuova Gioventù ha sofferto più del solito nei primi quaranta minuti. Il Real S. Giovanni  lo ha minacciato , pigiando sull’acceleratore in avvio di gara con una doppia conclusione di Placentino. Un toccasana il vantaggio firmato Scala dopo un’azione corale. Nella ripresa invece  la Nuova Gioventù è sembrata sicuramente più concreta, più reattiva, pronta a catapultarsi nell’area avversaria appena s’intravedono spazi, soprattutto sulle fasce con i continui inserimenti di Scala e Vescera, e decisa nel prendere di sorpresa il portiere Delli Muti, prima con un diagonale di Vescera, poi un destro da trenta metri di Mastromatteo. La squadra ospite resta a guardare. Vorrebbe tenere l’avversario lontano dalla propria area di rigore, ma vi riesce a malapena. Al 60′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, svetta in area di testa Sicuro, che deposita la palla in rete, che vale il raddoppio. Il giovane attaccante, dopo la realizzazione corre sotto la tribuna per dedicare  la rete alla sua ragazza presente sugli spalti, disegnando con le dita la forma del cuore. A questo punto il Real cala vistosamente, subisce il terzo e addirittura si ritrova a dover applaudire lo splendido euro-gol di Mastromatteo, che lanciato da De Vita, salta un difensore e scarica in rete con un colpo di tacco (alla Ibrahimovic Italia-Svezia) per l’apoteosi dei sostenitori locali. In conclusione, una giornata trionfale e una classifica da prendere come un segno del destino.
«E’ stata una buona partita e una vittoria meritata». Teodoro Palatella, pochi minuti dopo il fischio finale è ancora carico di adrenalina. «Avevamo preparato bene la partita e devo fare un elogio a tutti i ragazzi perché si sono comportati perfettamente – continua- anche perché avevamo di fronte una buona  squadra che ha lottato e ha dimostrato di avere buone qualità. Abbiamo segnato tre splendidi gol e potevamo farne altri, che dire di più? Siamo felici. Quindi stiamo sereni». Soddisfatto anche il presidente della Nuova Gioventù Carmine Protano, «Una bella gara, giocata bene dal nostri ragazzi contro un’ avversario davvero forte. Per questo siamo ancora più felici della vittoria. Dall’altra parte l’allenatore del Real S.Giovanni Ripoli è chiaramente meno effervescente «Abbiamo disputato un buon primo tempo con ripartenze veloci e anche pericolose. Poi nella ripresa siamo calati non riuscendo a reggere il ritmo. Specialmente in attacco, alcuni giocatori  non hanno dato il contributo consueto e anche il centrocampo è calato nel finale. Ma è stata un po’ tutta la squadra a subire questa situazione anche per le qualità degli avversari».

Campionato Allievi Regionali

Nuova Gioventù:

Grima,Ruggieri, Delli Santi, Vetrano(dal 62′ Saia), Impagnatiello(dal 65′ Cotadamo), Medina, Vescera(dal  76′ Lopriore D.), Mastromatteo(dal 75′ Lopriore M.), Sicuro, De Vita, Scala(dal 73′ Basso) a disp. Palumbo all. Teodoro Palatella
Reti:al 10′ Scala, al 60′ Sicuro e al 70′ Mastromatteo

Le pagelle

Grima 6,5  Una sicurezza nei due, tre interventi importanti in cui è chiamato in
causa. Baluardo.
Ruggieri 6+ La sua non è stata una prova brillante e inesauribile come le precedenti,
ma si è fatto ugualmente apprezzare. Naufrago
Delli Santi 6,5 A parte un paio di errate posizioni in fase difensiva ha davvero il passo giusto per questa categoria. Nel finale ha ancora fiato da spendere e forza per rubare palle sulla mediana. Inconsolabile
Vetrano 6+ Qualche errore in disimpegno e alcune esitazioni ma anche buone cose. Deve ritrovare la fiducia e il passo che aveva all’inizio. Cuore d’oro
Medina 6,5 fa valere la sua esperienza al centro della difesa, limitando le percussioni
degli avversari, costretti ad allargare il gioco (senza particolare fortuna) o a tiri da fuori area. Esagerato
Impagnatiello 6,5 aveva un problema alla caviglia ma, a denti stretti, scende in campo. Gioca una buona gara e arriva, in una delle rare discese offesive, a colpire di testa un cross da calcio d’angolo.
Vescera 6,5 attacca con continuità sulla sinistra, sempre pericoloso palla al piede sfiorando il gol in due occasioni. Scintillante
Mastromatteo 7,5  Realizza  un “gollasso” da cineteca, se un gol come questo l’avesse segnato Totti o del Piero sarebbe finito in pianta stabile nelle sigle dei programmi sportivi di mezzo mondo. Invece a firmarlo è stato lui Mastromatteo da Vieste, e di questa prodezza l’unico a ricordarla sarà forse il portiere Delli Muti. Primo timbro stagionale. Alleluia
Sicuro 7 ben marcato per quasi ottanta minuti e questo soffoca la sua fantasia. Ma bastano pochi secondi di libertà per far uscire l’istinto del bomber, del leone, che solo lui ha. Dedica il gol alla sua ragazza. Tenerone
Scala 7 Si muove tantissimo e apre spazi per i suoi compagni. Valido appoggio quando c’è da tenere il pallone e far respirare la squadra. Sigla la prima rete. Latin Lover
De Vita 6,5  “ Matt “getta come sempre il cuore oltre l’ostacolo e si danna l’anima. Commette anche lui la sua dose di errori, ma corre e lotta sino alla fine. Estroso
Lopriore M. 6+  Pochi minuti ma di sostanza. Voglioso
Lopriore D. 6,5  La forza che trasmette ai suoi compagni e la sportività che dimostra
sono un viatico positivo per questa Nuova Gioventù. Allenatore in seconda
Cotadamo 6 + fa il suo ingresso in campo al posto dell’infortunato Impagnatiello. Ha comunque il merito di entrare subito in partita e inserirsi bene negli schemi. Gran corsa e buona lucidità di gioco. Redivivo    
Saia 6+ Entra l’ultima mezz’ora e gioca con impegno, dando il suo onesto  contributo.
Basso 6+ Grande velocità e buona volontà nello scorcio di partita giocata.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright