The news is by your side.

Foggia – Rosa Ricciotti rende omaggio a Umberto Giordano

25

La soprano tra gli interpreti del prossimo concerto della 40ma rassegna musicale degli “Amici della Musica”. Si esibirà questa sera sul palco del Teatro del Fuoco insieme ad Antonio De Palma. Al piano il M° Nunzio Aprile. Tra i brani del repertorio un duetto tratto dall’Andrea Chenier

Interprete, regista, docente e di recente anche conduttrice e ideatrice di spettacoli. La soprano foggiana Rosa Ricciotti è un’artista completa, poliedrica. Per tutti è Madama Butterfly, il ruolo che l’ha resa celebre e quello forse in proprio lei stessa si riconosce.

Ma oggi è una ritrovata passione per Umberto Giordano a rappresentare il filo conduttore delle sue più recenti attività artistiche, dopo anni di studio attento e approfondito. Rosa Ricciotti sarà tra i protagonisti, insieme al tenore Antonio De Palma e al Maestro Nunzio Aprile al pianoforte, del concerto in programma il prossimo 25 febbraio al Teatro del Fuoco di Foggia nell’ambito della 40ma stagione degli “Amici della Musica”.

«Eseguiremo un repertorio importante – spiega Rosa Ricciotti – che comprende la lirica da camera, il lied tedesco e il duetto d’opera. Concluderemo il concerto con un duetto tratto dall’Andrea Chenier di Umberto Giordano, un omaggio doveroso a chi ha reso così celebre la nostra terra, portando questo vanto in giro per il mondo».

Questo prossimo impegno rappresenta un’altra tappa nel certosino lavoro di ricerca sul compositore foggiano condotto in questi ultimi anni dalla soprano originaria di Sannicandro Garganico. Nello scorso mese di ottobre, infatti, nell’ambito del Festival Giordaniano curato dalla soprano Maria Gabriella Cianci, oltre ad interpretare alcune pagine delle opere di Giordano, ha curato il dipanarsi della serata dalle immagini fino al testo dell’attore.

Sul palco Umberto Giordano si racconta alla sua città, dalle sue scorribande nei vicoli del suo quartiere all’avventura napoletana, alle vicissitudini di compositore, agli incontri fondamentali per la sua carriera, all’amore per la sua famiglia, alle sue passioni. «Pochi sanno, infatti – racconta – che Giordano si era appassionato alla fotografia, una curiosità certamente non trascurabile se si vuole conoscere l’animo di un artista e comprendere la sua genialità fino in fondo».

Docente di canto dal 2007 della sede di Rodi del Conservatorio “U. Giordano”, Rosa Ricciotti ha recentemente presentato insieme al giornalista Rino Alessi “Cappuccilli, un baritono da leggenda” (ComunicArte Edizioni) presso la libreria Ubik di Foggia. «Mi piacerebbe poter continuare a sfruttare l’esperienza acquisita in anni di carriera a contatto con realtà importanti, magari coordinatrice, o magari firmare qualche regia – confessa – del resto ci sono esempi illustri, uno per tutti Renata Scotto che è stata mia maestra di interpretazione agli inizi della mia avventura nel mondo dell’opera.

Avendo iniziato un percorso da didatta ho voluto acquisire competenze per poter affrontare al meglio questo difficile compito, l’esperienza artistica è fondamentale ma molto formativo è stato il corso di vocologia curato dal dott. Fussi che si occupa di fornire tutto il bagaglio scientifico che riguarda la voce. Per tutto il resto spero di avere la giusta sensibilità per passare la mia esperienza alle nuove leve».

NOTE BIOGRAFICHE – ROSA RICCIOTTI – soprano

A 16 anni inizia lo studio del canto diplomandosi nel 1987. Nel 1988 si trasferisce a Roma per perfezionarsi sotto la guida del M° Luciano Bettarini. Segue  diversi corsi d’interpretazione con celebri Maestri: Elio Battaglia, Renata Scotto, Leo Nucci, Carlo Bergonzi, Crista Ludwig.

Nel febbraio del 1992 debutta nel festival Barocco del Teatro dell’Opera di Roma interpretando  Flora nell’Aretusa di Filippo Vitali. In quegli stessi giorni  vince il concorso di Canto al Lirico Sperimentale di Spoleto, dove, nel settembre dello stesso anno, debutta nei panni della Contessa Gabriele in Sangue Viennese di J.Strauss  e l’anno dopo come Cio-cio-san nella Madama Butterfly di G.Puccini.

Ha inizio così il suo percorso artistico, con presenze nei maggiori teatri italiani tra cui: Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Bellini di Catania, Teatro Verdi di Trieste, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Comunale di Cagliari,  interpretando di Mozart  Zerlina e poi Donna Elvira nel Don Giovanni, Contessa ne Le nozze di Figaro; di Haendel Armida nel Rinaldo e Asteria ne Tamerlano,; di Wagner Freia e Woglinde in Das Rheingold e Elsa nel Lohengrin; di Verdi Desdemona in Otello, Gilda nel Rigoletto, Violetta ne la traviata, Leonora nel Trovatore, Medora nel Corsaro, delle eroine pucciniane ha interpretato Cio-cio-san in Madama Butterfly, Lauretta nel Gianni Schicchi, Liù nella Turandot, Giorgietta nel Tabarro, Fidelia nell’Edgar, Suor Angelica, e ancora Micaela nella Carmen, Mére Marìe in Dialogues des Carmelites di F.Poulenc e molti altri ruoli.

Ha inoltre interpretato requiem di Mozart e di Verdi, Stabat Mater di Pergolesi di Rossini, le Ultime Sette Parole di Mercadante, Carmina Burana di Orff, la Passione Secondo Giovanni di Bach. Nel 2004 per il centenario della nascita di Petrassi ha interpretato con successo Donna Lorenza ne Il Cordovano  al Teatro dell’Opera di Roma e  al Teatro Malibran per la stagione della Fenice di Venezia. In seguito è stata  Mimì ne La Bohéme di G.Puccini al Teatro Massimo di Palermo diretta da Donato Renzetti e la regia di Patroni Griffi. Poi ancora Mimì a Firenze ai Giardini di Boboli.

Nel 2006 debutta Santuzza in Cavalleria Rusticana nel circuito dei teatri veneti e a Malta. Nel 2007 ha interpretato Madame Bernardaki per la prima mondiale de “la Maschera di Punkitititi” di Marco Taralli e Quirino Conti  nella stagione del Teatro dell’Opera di Roma. Collabora con diverse istituzioni sinfoniche tra le quali l’Orchestra Toscanini, la Sinfonica Abruzzese, la Sinfonica di San Remo, la Sinfonica Veneta e i Solisti Dauni. Intensa l’attività concertistica, con pianoforte ma anche in trio proponendo anche pagine ricercate del repertorio cameristico.

Ha inoltre interpretato numerose composizioni contemporanee in prima esecuzione assoluta di Alearco. Ambrosi, Angelo Inglese, Andrea Talmelli, Marco Podda, Matteo D’Amico, Paolo Renosto, Franco Margola, Luciano Bettarini, molte delle quali scritte appositamente per la sua voce ed eseguite in importanti rassegne concertistiche.

Ha inciso per i marchi Iupiter, Bongiovanni, Pizzicato, Merlino. Ha cantato al fianco di star della musica italiana tra cui Giuseppe Taddei, Leo Nucci, Andrea Bocelli. Durante il Giubileo del 2000 ha cantato per il Santo Padre Giovanni Paolo II  alla Sala Nervi. Nel 2006 ha cantato al Teatro Giordano per il Presidente della Repubblica “Carlo Azelio Ciampi” in visita a Foggia.

Nel 2001 ha cantato nella prima edizione di UNA VOCE PER PADRE PIO in diretta su Rai 2 da  San Giovanni Rotondo. Dal 2007 è docente di Canto presso la sezione di Rodi Garganico del Conservatorio U. Giordano di Foggia.

Nel giugno 2008 ha conseguito il Corso di Alta Formazione in Vocologia Artistica con la Facoltà di Medicina dell’Università di Bologna presso la Asl di Ravenna, direttore il luminare della voce artistica Franco Fussi.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright