The news is by your side.

Delitti di mafia a Foggia

78

Per il procuratore di Bari Antonio Laudati, tra il 2000 e il 2001 a Foggia si sono decisi gli assetti criminali della zona.

 

Due i delitti di mafia che sono stati scoperti dai carabinieri del comando di foggia a dieci anni di distanza, rileggendo in base ad alcune testimonianze recenti le intercettazioni dell’epoca.
Il primo delitto è quello di Matteo Mangini, un 20enne ammazzato davanti a un bar a Manfredonia il 22 settembre del 2001.
Per quell’omicidio è finito in manette Angelo Grilli, 31 anni, presunto affiliato al clan Libergolis.
i carabinieri lo hanno catturato nel modenese.
E’ accusato di omicidio volontario con l’aggravante di aver agevolato un clan mafioso.
Un altro ragazzo, all’epoca minorenne, è indagato mentre Francesco Libergolis, 31 anni, è stato condannato all’ergastolo come organizzatore della spedizione punitiva.
L’altro omicidio è quello di Francesco Vodola, un 32enne ammazzato sul pianerottolo di casa il 27 novembre del 2000 a Carapelle.
Per quel delitto è stato arrestato Raffaele Tolonese, 51 anni, considerato dagli investigatori Elemento di spicco della mafia foggiana, che si trovava in carcere a Siracusa per un’altra vicenda.
per l’accusa avrebbe ucciso Vodola perchè quest’ultimo aveva chiesto il pizzo a un imprenditore non rispettando la logica mafiosa in base alla quale foggia era di dominio del clan Prencipe Trisciuoglio


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright