The news is by your side.

Verso le Regionali/ PD – “Noi sosteniamo Aldo Ragni”, la lettera agli elettori

12

Hanno sottoscritto una lettera in cui spiegano i motivi del loro sostegno alla candidatura di Aldo Ragni (Pd) al Consiglio regionale della Puglia. E’ quanto hanno fatto i consiglieri comunali foggiani Claudio Sottile, Giuseppe D’Urso e Francesco Paolo De Vito. La missiva è firmata, tra gli altri, anche da Francesco Pastore (componente segreteria cittadina Pd), Grazia Lodato (componente della segreteria provinciale del Partito Democratico), Mario Melino (dirigente scolastico), dal presidente dell’associazione “Capitanata Futura” Massimo Fragassi e dagli avvocati Francesco Andretta e Michele Vaira.  “Occorre che i nostri rappresentanti – spiegano nella lettera – siano capaci di raccogliere le istanze di tutti i cittadini e trasformarle in provvedimenti concreti. Questo può essere fatto soltanto da chi ha un approccio alla politica come strumento di partecipazione democratica di tutti i cittadini, non come esercizio di potere per occuparsi esclusivamente di questo o quel comune, di questo o quel gruppo di interessi. Per queste ragioni abbiamo deciso di sostenere la candidatura di Aldo Ragni nel Partito Democratico”.
“Aldo è giovane – si legge ancora nella missiva – ha 34 anni, e ha maturato un’esperienza che lo ha portato a conoscere profondamente il nostro territorio prima da responsabile organizzativo del Pd di Capitanata, poi come coordinatore di una delle mozioni per le primarie, successivamente da candidato alla segreteria provinciale e oggi da presidente del direttivo provinciale. Noi crediamo possa essere il migliore interprete delle istanze di sviluppo, giustizia ed equità sociale care al popolo democratico della Capitanata”.
“Aldo – ha dichiarato Claudio Sottile – ha dimostrato con i suoi comportamenti e il suo agire di voler superare uno dei principali problemi della politica, vale a dire il provincialismo, e di poter rappresentare in Consiglio regionale le istanze complessive di tutto il territorio”.
Il 28 e 29 marzo si voterà per il rinnovo del consiglio regionale della Puglia. La nostra regione è chiamata a scegliere se proseguire nel lavoro di innovazione e crescita già avviato dalla giunta Vendola negli scorsi cinque anni, oppure affidarsi al partito che attualmente a livello nazionale è impegnato a mortificare il Sud, con politiche penalizzanti che spaccano il Paese, e ad imbavagliare l’informazione e la magistratura. Nel Partito Democratico crediamo sia giunta l’ora di aprire nuove opportunità verso quelle risorse che hanno dimostrato di concepire la politica come servizio alla collettività. La Capitanata deve aspirare a contare di più nel governo della Regione Puglia, sia rispetto ai ruoli amministrativi, ma soprattutto rispetto alla qualità complessiva dei suoi rappresentanti che deve crescere e condurre alla definizione di strategie comuni per il raggiungimento di obiettivi legati al territorio. Abbiamo la possibilità di utilizzare le ingenti risorse comunitarie per dare uno slancio alle principali risorse che possono fare del nostro territorio una nuova terra di sviluppo e lavoro. Il turismo, con il potenziamento del “marchio Gargano” e la costruzione di una rete con le altre bellezze paesaggistiche, archeologiche, storiche e artistiche del Tavoliere e dei Monti Dauni. La green economy in cui vanno annoverati sia l’agricoltura che va innovata ed adeguata ai mutati scenari dell’economia internazionale, sia il vastissimo settore dello sviluppo delle energie rinnovabili, in cui la Regione Puglia è diventata giustamente la prima in Italia per numero di impianti. Nel mutato assetto federale la Regione sarà titolare di importanti competenze sull’istruzione oltre a quelle già rilevanti sulla ricerca.
“Abbiamo scelto di sostenere Aldo Ragni e ti chiediamo di fare lo stesso, perché la Capitanata Vale la Puglia”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright