The news is by your side.

Manfredonia: arrestato molestatore di ragazze che facevano footing

40

Nella giornata di ieri, personale di questo Ufficio ha tratto in arresto BOTTALICO Giuseppe, di anni 26, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP presso Tribunale di Foggia,  su richiesta del P.M. titolare delle indagini, Sost. Proc. Dr.ssa Rosa PENSA, della Procura della Repubblica di Foggia, perchè ritenuto responsabile di una serie agghiacciante di delitti a sfondo sessuale in danno di giovani donne di questo centro sipontino.

Giuseppe BottalicoAllo stesso vengono contestate due violazioni di cui agli articolo 609 bis Codice Penale (violenza sessuale) per aver violentato, in distinti episodi, due donne del luogo, con inaudita crudeltà mentre queste effettuavano jogging sul lungomare in località Siponto.

L’attività investigativa ebbe inizio lo scorso Febbraio, allorquando personale della locale Squadra di P.G. apprendeva, da fonte confidenziale, ritenuta molto attendibile, confermata poi anche da diverse segnalazioni anonime che, in diverse zone sipontine, si stavano registrando numerosi episodi di molestie sessuali in danno di ragazzine e donne anche di una certa età, registrate a volte di prima mattine, altre  all’imbrunire, poste in essere dall’occupante di un’autovettura Lancia Musa di colore scuro, corrispondente alle descrizioni dell’odierno arrestato.

Oltre a far intensificare la vigilanza al personale del Commissariato, il Dirigente capeggiava direttamente le indagini, avviando attività info-investigativa volta a scoprire l’identità del malfattore.

L’attenzione investigativa si indirizzava ben presto verso BOTTALICO Giuseppe, possessore appunto di una Lancia Musa corrispondente alle descrizioni fornite ed anch’egli stesso simile alle descrizioni indicate dalla fonte; di lui si acquisiva foto al fine di sottoporla in visione alle vittime che si fossero presentate per la denuncia in quanto, vista la quantità delle molestie effettuate, sicuramente ci sarebbero state le denuncie.

Così infatti è stato: la prima vittima a denunciare riferiva che, incamminatasi in direzione di Siponto per fare dell’esercizio fisico, percorrendo il lungomare, aveva  notato una Lancia Musa con a bordo un giovane, gironzolarle intorno, ignara di quello che di lì a poco le sarebbe successo; poco dopo infatti la violenta aggressione  presso la Chiesa di Sant’Andrea con il susseguirsi di minuti di terrore: bloccata con violenza, privata della propria libertà,  buttata per terra e palpeggiata, ingiuriata con volgarità di vario tipo, fino a quando, con molta difficoltà era riuscita a divincolarsi ed a fuggire via.

La donna rimaneva talmente sconvolta dall’episodio da non far ricorso alle cure mediche "solo per vergogna in quanto non sapevo cosa dire al Pronto Soccorso", ma le descrizioni da lei fornite del malfattore, che la donna si diceva sicura di poter riconoscere se avesse visto riprodotta in foto, erano molto precise e corrispondenti a quelle del citato BOTTALICO Giuseppe, riconosciuto, senza ombra di dubbio, in sede di individuazione fotografica.    

Altro episodio che vedeva responsabile il BOTTALICO avveniva lo scorso Marzo sulla battigia del lungomare di Siponto, ove egli si avvicinava dapprima con una banale scusa alla vittima predestina, poi le saltava addosso scaraventandola sulla sabbia.; Lì la bloccava palpandola dappertutto, introducendo con forza la sua mano all’interno dei pantaloni, pronunciandole delle atroci oscenità, con la vittima che reagiva riuscendo a mordergli la mano con forza; solo ciò e forse anche la visione in lontananza di alcune persone lo faceva desistere dall’andare oltre ed allontanarsi.

Questa ennesima ordinanza di custodia cautelare operata da personale dipendente è da inquadrarsi in una vasta campagna di lotta ai reati a sfondo sessuale posta in essere da quest’Ufficio, già sfociata, in passato, in arresti operati talvolta d’iniziativa talvolta su ordinanze di custodia cautelare, scaturite da indagini effettuate da personale dipendente.

Al vaglio degli inquirenti vi sono diversi simili episodi occorsi in questo centro, aventi lo stesso "modus operandi" e corrispondenze nelle descrizioni somatiche dell’autore degli insani gesti, per cui anche alla luce di ciò, ritenendo che quelli scoperti siano solo una parte delle aggressioni seriali  perpetrate dal BOTTALICO, si fa appello a chiunque abbia subito molestie di rivolgersi al Commissariato P.S. di Manfredonia.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright