The news is by your side.

Vieste – Si è conclusa con grande successo la Festa per la Natura

14

"Verso il cielo, come rondini in volo",all’insegna di questo slogan che, caratterizzando la primavera, vuole indicare a tutti che imitando semplicemente la purezza degli uccelli si può raggiungere il cielo,la Parrocchia SS. Sacramento di Vieste ha celebrato la XXIII giornata dedicata alla  Natura e al Creato.

Festa della NaturaGrande è l’impegno che tutti dobbiamo mettere per rispettare ciò che non è nostro ma che appartiene a tutti, ha sottolineato il Sindaco di Vieste D.ssa Ersilia Nobile che – nel suo intervento – ha esortato tutti a fare la propria parte e, se necessario, a fare i nomi di quelle persone che si divertono a imbrattare muri degli edifici o a danneggiare panchine e piante che  l’Amministrazione Comunale si sforza di sistemare nei luoghi pubblici. Grande deve essere inoltre il nostro ringraziamento a Dio – ha detto il parroco Don Tonino -per i doni che ci fornisce ogni giorno attraverso tutto ciò che Egli ha creato per l’uomo.

Esaltante è stato anche  l’intrattenimento del nuovo gruppo folkloristico Viestano "Pizz-ch e muzz-ch", al suo primo debutto, e diretto dal Professor Pietro Salcuni. I ragazzi ce l’hanno proprio messa tutta dimostrando la gran voglia di ricordare che attraverso i canti, i vestiti e il ballo possono essere tramandate le tradizioni viestane e garganiche.

La sera i ragazzi e i giovani hanno dato il loro contributo canoro perché la natura venga rispettata. Ed è proprio con il rispetto verso l’ambiente che la maggior parte delle volte si riesce a evitare tragedie come quelle che hanno interessato il nostro territorio nei mesi di luglio ed agosto del 1997, come ha ribadito il Professor Orazio LA MARCA, docente presso l’Università di Firenze e ospite gradito di questa manifestazione ormai entrata a far parte delle tradizioni più care della parrocchia.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright