The news is by your side.

Gli operatori pugliesi chiedono lo stato di calamità naturale per il settore turistico

7

Le cause: Vulcano islandese e frana di Montaguto.

 

Il presidente del consorzio Welcome in Puglia, Pierangelo Argentieri, ha chiesto un incontro urgente con il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, e l’assessore regionale al Turismo, Magda Terrevoli, per discutere dell’eventuale possibilità di richiesta al Governo Nazionale, attraverso gli organi regionali, dello ‘Stato di Calamità naturale’ per il settore turistico. Le motivazioni: “Sono ormai diverse settimane che le condizioni atmosferiche provocate dalla cenere fuoriuscita dal vulcano islandese, stanno provocando una serie di disagi per il settore turistico nazionale e in particolare quello pugliese che in questo periodo dell’anno riesce a soddisfare diverse prenotazioni. La chiusura degli aeroporti di mezza Europa non consente ai turisti che avevano prenotato nelle nostre strutture ricettive di raggiunge- re le località in Puglia; ogni giorno si registra la cancellazione di migliaia di prenotazioni, in un periodo che dovrebbe essere per la nostra regione molto redditizio. La diminuzione di fatturato nelle settimane primaverili creerà sicuramente ripercussioni negative sul bilancio finale di ogni singola azienda del settore turistico, con conseguenti contraccolpi di una situazione economica già debole in termini di crescita e fatturato. Se a queste difficoltà si aggiunge il blocco ferroviario tra Foggia e Benevento, a causa di una frana caduta lo scorso 11 marzo a Montaguto e non ancora rimossa, diventa chiaro come l’economia turistica della nostra regione stia subendo un attacco preoccupante in termini economici’. Stessa reazione quella di Daniele Degennaro, presidente di Federalberghi Puglia: “Davanti alle emergenze ambientale e climatica che stanno colpendo la Puglia chiediamo alla politica di trovare soluzioni che vadano incontro agli operatori turistici che da qualche tempo hanno i conti in rossi”.
Intanto l’Adiconsum della provincia di Foggia ha deciso di attivare un servizio di assistenza a favore dei con- sumatori coinvolti nei disagi registratisi a seguito della cancellazione di numerosi voli verso i principali aeroporti del nord dell’Italia e dell’Europa. Le gravi difficoltà — fa sapere la Cisl Foggia — hanno riguardato direttamente anche la Città di Foggia con la cancellazione di voli verso Torino e Milano, disposta anche presso l’aeroporto ‘Gino Lisa’. “Le compagnie aeree sono tenute — precisa l’avvocato Michele Tarquinio, delegato, dell’Adicousum provinciale per le vertenze sul trasporto aereo — a garantire il rimborso dei biglietti o la sistemazione dei passeggeri su voli alternativi senza alcun onere aggiuntivo”. A tal proposito, l’Adiconsum interviene in favore di tutti i passeggeri coinvolti dalle cancellazioni dei voli in partenza e in arrivo presso l’aeroporto cittadino, comunièando che lo sportello legale al consumatore offre consulenza e assistenza per le procedure di rimborso dei biglietti aerei non utilizzati. Il servizio gratuito è disponibile a Foggia in via Montegrappa, 56, tutti i mercoledì dalle 17 alle 18. Per gestire la situazione d’emergenza Valtur ha creato, durante il week end, un’unità di crisi a supporto dei clienti il cui volo è stato cancellato .e di quelli bloccati all’estero nelle strutture di Sharm, Agadir, Maldive e Mauritius.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright