The news is by your side.

Vieste/ Venerdì 30 aprile manifestazione di intitolazione plessi scolastici (3)

30

Leggere Rodari……..

 

Sin dal mio insediamento come Dirigente Scolastico della Direzione Didattica di Vieste, formata da cinque plessi di scuola dell’infanzia e primaria, il primo settembre del 2007, ho sentito forte il desiderio di dare un nome alla scuola che ha formato, educato e istruito generazioni di bambini viestani. Eravamo una delle pochissime istituzioni scolastiche nella Puglia a non avere una intitolazione, tutte le comunicazioni che arrivavano dal Ministero e dagli Uffici Scolastici erano indirizzate con un virgolettato “Via Spina, 1”, la via dove è presente la sede della Direzione, altrettanto era per gli altri plessi indicati con il nome della via dove erano ubicati.
Nell’intento di creare un forte senso di radicamento e di appartenenza, la comunità scolastica prima e il Comune dopo hanno deciso di intitolare l’intera istituzione a Gianni Rodari, giornalista ed insigne scrittore di letteratura per bambini, tradotto in 50 lingue in tutto il mondo.
Contemporaneamente si è deciso di intitolare il plesso scolastico dell’infanzia e della primaria di via Tommaseo al Sacerdote Don Luigi Fasanella, il plesso della scuola dell’infanzia di via Giolitti al compianto e stimato pediatra, prematuramente scomparso, Dr. Carmine Fusco, mentre un terzo plesso di scuola primaria, in via dell’Antico porto Aviane, nel quartiere della 167, vedrà la sua definitiva e formale legittimazione dell’intitolazione al maestro e poeta dialettale Gaetano Dellisanti.
Il pensiero di Gianni Rodari nasce dalla sua esperienza di maestro che si oppone all’insegnamento tradizionale per percorrere la strada della creatività e della fantasia. La sua pedagogia è considerata di “rottura”, in quanto ribalta i canoni della letteratura per l’infanzia proponendo modelli educativi nuovi e rivoluzionari: il bambino al centro dell’educazione come soggetto, creatore e produttore.
Il suo messaggio è oggi più che mai attuale per la forza che attribuisce ai valori etici e sociali, alla fantasia e alla creatività, contro il potere dell’omologazione.
Poeta e narratore, uomo impegnato nella vita politica e sociale, scrittore che si schiera apertamente dalla parte dei più deboli, degli emarginati, dei bambini, con l’obiettivo della costruzione di un mondo migliore. Rodari non può essere scambiato per uno scrittore banalmente semplice, poeta di filastrocche per far ridere e giocare. Ogni singolo elemento dei suoi testi va contestualizzato nel quadro globale del suo discorso, per cogliere il prezioso messaggio che 1’autore vuole trasmettere, soprattutto ai bambini. “L’arte di inventare” non è semplice esercizio di fantasia, ma strumento per mettere in discussione la realtà e prospettare nuove soluzioni.
La mostra Rodari nel mondo, curata dal Centro studi Rodari di Orvieto, è stata inserita nella cerimonia dell’intitolazione della scuola, come elemento per radicare un progetto educativo che da qualche anno impronta 1’attività dell’offerta formativa della nostra scuola. Questo spazio espositivo è per noi un’occasione per comprendere attraverso quali libri la lettura possa diventare buona abitudine e quindi gusto, e poi bisogno intellettuale, aiutando a far crescere cittadini liberi, attivi, capaci di apprendere nell’arco di tutta la vita. Desiderio e gusto della lettura non scolastica, crescita di buoni lettori, cioè di lettori assidui, attenti, critici, in grado di esercitare le proprie scelte, di orientarsi con fantasia all’interno dei propri gusti, liberando la fantasia, i colori, correndo lungo i sentieri dell’ immaginazione.
Noi adulti abbiamo la grande responsabilità di aiutare le giovani generazioni ad orientarsi nella complessità della vita, noi, che sappiamo navigare nella marea informativa, delle immagini, dei suoni e dei rumori, dobbiamo insegnare ai giovani ad individuare la giusta rotta, con i giusti strumenti, per una giusta navigazione. I giovani hanno bisogno di riflettere, di approfondire, di consolidare le proprie esperienze, di riscoprire la pienezza dei valori e, in questo, come gli stessi ragazzi affermano, il libro è e sarà insostituibile.
I libri di Rodari rappresentano uno strumento prezioso di studio e di formazione. E’ importante conoscere e far conoscere Rodari.

Paolo Soldano
Dirigente Scolastico – Direzione Didattica Statale
Gianni Rodari VIESTE


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright