The news is by your side.

Elezioni presidenza GAL valida, Campo sbaglia

9

Il liquidatore della Comunità Montana del Gargano polemizza con il segretario provinciale del PD. L’Assemblea del Gal ha eletto il presidente: la replica del politico.

 

Il commissario liquidatore della comunità montana del Gargano, Gaetano Cusenza, a proposito dell’assemblea del Gal per l’elezione del presidente, accusa Paolo Campo di «fare un po’ di confusione, dovuta forse al fatto di non aver seguito di persona quanto accaduto nel corso della riunione». Cusenza ricorda al segretario provinciale del Pd Paolo Campo, che si è riunita l’assemblea dei 61 soci costituenti il GAL Gargano (gruppo azione locale), alla quale non ha partecipato il Parco Nazionale del Gargano che non avendo la rappresentanza legale era assente, ma ciò non ha inficiato la validità della riunione in quanto erano presenti quanti con le loro quote societarie hanno determinato la maggioranza. «Campo – ricorda Cusenza – sa molto bene che le quote di tutti gli enti pubblici sono ininfluenti, al fine di eleggere il consiglio di amministrazione del Gal. Sono i privati che hanno la maggioranza qualificata. Compito degli enti pubblici era quello di trovare una giusta e concreta sintesi con le categorie sociali. Sono sconcertato dalle dichiarazioni del segretario provinciale del Partito Democratico, il quale mi ha accusato di aver assunto in questa vicenda un ruolo ed una responsabilità sproporzionata rispetto alla mia funzione. A questo punto chiedo a Campo se le stesse rimostranze le avrebbe fatte qualora avessi accettato di appoggiare la lista da lui sostenuta». Il commissario liquidatore si domanda a questo punto quale sia la politica di Campo per la provincia di Foggia e, in particolare, per il Gargano, «visto che troppi errori abbiamo commesso come Partito democratico». Cusenza conclude dicendosi certo che la lista che ha avuto la maggioranza «ha al suo interno progettualità e persone serie; ad ogni buon conto la Comunità montana del Gargano si è astenuta dal voto, ma ha condiviso quello a favore dell’attuale consiglio di amministrazione, al quale va l’augurio di buon lavoro a favore dell’intero Gargano. il Gal Gargano, essendo una grande risorsa, va sostenuto da tutti, invito che è rivolto anche a quei sindaci che hanno abbandonato l’assemblea, in particolare al primo cittadino di San Marco in Lamis, Michelangelo Lombardi».

Franco Mastropaolo


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright