The news is by your side.

Parco del Gargano, commissariamento strumentale e inutile al rilancio

16

Documento dei sindaci PD dei Comuni compresi nell’area protetta

 

Nonostante il Presidente della Regione Puglia abbia più volte invitato il Ministro di procedere alla nomina del Consiglio Direttivo del Parco, e all’individuazione di una nuova personalità per l’incarico di Presidente, si continua nella politica di totale abbandono del Parco nazionale.
Il Parco ha vissuto, in questi ultimi anni, una condizione di sofferenza e di difficoltà di indirizzo ben conosciute, la più grave, quella gestionale e amministrativa, contenuta nella Relazione dei Servizi Ispettivi della Ragioneria Generale dello Stato.
L’assenza del Piano del Parco e del suo Regolamento quale strumento di gestione e di pianificazione dell’area protetta, vanifica ogni concreta possibilità di cura del territorio, di crescita e di sviluppo, e rende inutile, se non inaccessibili, gli interventi che la Regione Puglia ha previsto con la programmazione dei Fondi Strutturali 2007/13.
Lo stesso incendio devastante del 2007, il “rogo del Gargano”, aveva messo in luce le carenze di gestione, la mancanza di piani adeguati e le inadeguatezze professionali, successivamente riorganizzate nella Protezione Civile regionale.
Poter rilanciare oggi questa nostra importante area protetta, e aiutarla a decollare verso livelli di gestione e di progettazione più vicini agli standard virtuosi di altri parchi italiani, significa necessariamente individuare una figura massimamente competente e di alto profilo professionale che possa, da subito, prendere in mano tutti i vari ambiti di sofferenza dell’Ente Parco e avviarne la riprogettazione.
Non sono, quindi, i commissariamenti strumentali (con l’assenza di idee innovative), il mezzo più idoneo per riqualificare l’Ente e rilanciare le politiche, adeguate ed urgenti, vitali per il Parco.
I Sindaci del PD del Gargano, invece, ritengono che sia improrogabile arrivare nel più breve tempo possibile all’intesa – tra il Ministro dell’Ambiente e il Presidente della Regione Puglia – per individuare una figura nuova e competente che rappresenti una modalità condivisa e perciò capace di sviluppare politiche di rilancio dell’intera area del Gargano.
Gennaro Giuliani (San Giovanni Rotondo) – Michelangelo Lombardi (San Marco in Lamis) – Roberto Prencipe (Mattinata) – Costantino Squeo (Sannicandro G.co) – Vito Zuccarino (Apricena)


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright