The news is by your side.

In Belgio si festeggia la sesta giornata italiana a ritmo di tarantella

26

Ormai sempre più spesso i Tarantula Garganica vengono chiamati a presenziare manifestazioni di rilievo internazionale. Gli “ambasciatori” della tarantella del Gargano, dopo essere volati a Vancouver in occasione delle scorse olimpiadi invernali, sono stati invitati a partecipare alla sesta GIORNATA ITALIANA che si svolgerà in Belgio il prossimo 6 giugno nel sito di Blegny-mine, un antico pozzo d’estrazione completamente rinnovato e trasformato a museo della miniera.

Si tratta di un grande evento d’incontro e di ritrovo della comunità italiana organizzato da l Comites di Liegi- Lussemburgo con il patrocinio del Consolato Generale d’Italia a Liegi e l’Amministrazione Comunale di Blegny.

La GIORNATA ITALIANA rappresenta un appuntamento fisso e ricorrente per tutti gli italiani di Liegi e del Belgio, ed é diventata uno dei maggiori eventi a carattere italiano realizzati all’estero. Prevede un’amplissima offerta culturale, musicale, artistica, folkloristica, sportiva e gastronomica che attira migliaia di connazionali (ed anche belgi) di ogni età, provenienza ed orientamento.
Sarà un’altra importante occasione per far conoscere la straordinaria bravura del gruppo del Gargano ai connazionali che vivono all’estero e tramandare le origini più vere della tradizione popolare Pugliese di cui i Tarantula Garganica si fanno portatori.
Non solo.
La vocazione internazionale dei Tarantula li porterà, nel prossimo luglio, ad esibirsi nelle lontane Isole Azzorre.
I Tarantula Garganica prendono il nome dal tipo di musica che suonano e dalla loro terra, un nome che è il simbolo delle tradizioni popolari pugliesi; un nome che evoca subito il suono e il ritmo della Tarantella, della chitarra battente e delle castagnole, cioè di una magia musicale ancora vivissima e tutta da scoprire: con i suoi cantori, i suoi danzatori, la loro musica travolgente, fonte inesauribile di canti, balli, poesie.
I primi passi sono stati mossi nel 2002, riscoprendo e valorizzando i canti, le poesie, i balli di una cultura ormai lontana che ancora appartiene al Gargano, iniziando un viaggio oltre i confini del magico mondo della musica e della poesia popolare, cercando di scoprire cosa si nasconde dietro il “fascino della Tarantella del Gargano” e di trasmettere l’essenza al vasto pubblico, sempre più numeroso, che si avvicina a questo fenomeno musicale.
La passione per la ricerca della tradizione è stata più che coinvolgente e ha portato il gruppo alla realizzazione nel 2004 di un lavoro discografico “SOPE A NA MUNTAGNE”, un cd che contiene le tarantelle piu rappresentative del gargano con brani che spaziano dai bellissimi sonetti di Carpino alle tarantelle di Monte Sant’Angelo a quella di San Marco in Lamis. Un discorso musicale incentrato perfettamente sulla tarantella, evidenziandone due aspetti fondamentali: il ballo e la poesia.
Nel 2005 è uscito il secondo lavoro, prodotto dai Tarantula Garganica, dal titolo “QUELLE STRETTE VIE DEL SUD”. In questo disco il gruppo si dedica molto ai canti del Gargano, in prevalenza sonetti di Carpino e Monte Sant’Angelo, ma oltre a quest’ultimi trovano spazio anche due pezzi della tradizione campana.
Il 2006 è la volta del terzo lavoro, prodotto sempre dai Tarantula Garganica, dal titolo “CHI NON CAPISCE L’AMORE ABBASTANZA” in ricordo di Andrea Sacco-Matteo Salvatore-Matteo Giuliani ( cantori e suonatori del gargano ) contenente 10 tarantelle tradizionali, di cui 4 della tradizione di San Giovanni Rotondo, oltre all’immancabile spazio dato ai paesi scrigni della musica del Gargano: Carpino e Monte Sant’Angelo.
Dal 2008 inizia la collaborazione con i Cantori di Monte Sant’Angelo con i quali, hanno realizzato altri tre lavori discografici: “ All’use antiche” nel 2008, “‘Nfanne ‘Nfanne” nel 2009 ed un Libro-Cd, datato Gennaio 2010, in ricordo di Michele Totaro “Ciucquette” cantore di Monte Sant’Angelo venuto a mancare il 3 Gennaio 2009 ,
all’età di 87 anni.

Il gruppo, ormai consolidato, vanta di esibizioni anche al di fuori dei confini nazionali. Nell’intendo di esportare le melodie e le danze del Gargano, i giovani musicisti “montanari” sono, infatti, sbarcati nel 2007, presso il prestigioso Robinson College dell’Università di Cambridge UK ed in Spagna nell’ambito del noto Festival di Barcellona.
Dal 6 al 13 febbraio 2010 hanno rappresentato la Puglia e le sue tradizioni ai festeggiamenti per le Olimpiadi invernali di Vancuover (British Columbia-Canada) esibendosi a Casa Italia, quartier generale degli Azzurri e al Centro Culturale Italiano di Vancouver.
Ascoltando i Tarantula Garganica, la musica popolare del Gargano riprende vita e s’innova, infatti, la peculiarità del gruppo è quella di riprendere le antiche canzoni della tradizione e rinnovarle nel pieno rispetto delle loro tracce originali, per dare maggior forza al micromondo contadino che le ha create.
Così, al contrario dei gruppi di contaminazione, dove il suono della musica popolare si contamina con i suoni del resto del mondo o della musica pop che la fa da padrona sin dagli anni ‘60, qui gli arrangiamenti riprendono gli antichi strumenti e gli danno dei suoni e melodie nuove ma riconoscibili all’orecchio dell’appassionato e ai ricordi dell’anziano contadino, vero proprietario e custode di questa musica.

I TARANTULA GARGANICA SONO:
PEPPE TOTARO VOCE E CHITARRA FRANCESE
MATTEO ORTUSO CHITARRA BATTENTE E VOCE
MARTA DELL’ANNO VOCE E VIOLINO
ROBERTO MENONNA TAMMORRA E VOCE
MICHELE BISCEGLIA TAMMORRA
CARMELA TARONNA BALLO
NICOLETTA LA TORRE BALLO

www.myspace.com/tarantulagarganica
taramtulagarganica@gmail.com
cell.340.2280861


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright