The news is by your side.

Vieste/ “Sono costretta ad uscire di casa….”

8

Riceviamo e pubblichiamo.

 

Abito in Viale 24 maggio, in un condominio composto da circa 30 famiglie.
All’interno di questo condominio è presente un pozzo luce dove si affaccia la porta e la finestra di un ristorante situato al piano terra del condominio. Sia la porta della cucina che la finestra del ristorante sono sempre aperte, e c’è semplicemnte una zanzariera che divide le ns. abitazioni da questa cucina. Vi lascio immaginare gli odori sgradevoli e peraltro nocivi e tossici per la ns. salute, che dobbiamo sopportare ogni giorno per piu di sei mesi all’anno.
Dopo aver fatto regolare esposto all’ufficio competente del comune di Vieste con la sottoscrizione di tutti gli inquilini, ci siamo subito resi conto che sarebbe stata una battaglia persa già in partenza, visto che ci venive sempre fatto presente chi fosse il parente del ristoratore.
A tutt’oggi non è stato ancor preso alcun provvedimento in merito.
Gli organi di controllo (locali), sia amministrativo che sanitario, hanno riscontrato che tutto è a norma di legge. Premetto che il controllo è stato effettuato alle ore 10,30 del mattino quando la cucina è praticamente chiusa, ed anche noi a quell’ora non sentiamo alcuna Puzza!!!!
Cosi’ci siamo rivolti agli organi di controllo non locali,sperando che qualcosa potesse cambiare, ma i suddetti hanno demandato nuovamente agli organi competenti locali i controlli dovuti e nuovamente tutto è risultato a norma…. e noi continuiamo a intossicarci di odori di fritto, arrosto ecc.
Si tratta di salute pubblica, ma ai signori che siedono al palazzo municipale non puo’ che non interessare un bel niente…. l’importante per loro è fare i propri interessi ed anche quelli dei loro parenti. Vergognatevi!!!!!

Premetto che sono in stato interessante è sono costretta ad uscire di casa poichè non riesco a sopportare questa sgradevole PUZZA.

Antonella Murgo
antonellamurgo@yahooh.it


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright