The news is by your side.

Monte Sant’Angelo/Alessandra Crocco con Non ti ho mai tradito

7

Il concerto per voci, corpi e marionette di Gigi Borruso due prime nazionali nella terza giornata del Teatro Civile Festival, domani di scena al Castello.

 

Serata di prime nazionali quella della terza giornata del Teatro Civile Festival, a Monte Sant’Angelo, che ospiterà il Progetto vincitore della sesta edizione del Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche “Dante Cappelletti” 2009, Fuori campo,  di Gigi Borruso e Transit teatro, e un altro progetto finalista allo stesso premio, Non ti ho mai tradito di Alessandra Crocco, storia di un ragazzo alle prese con il fascismo e le lotte partigiane.

Ad aprire la serata, un aperitivo artistico alle 19,45, nel corso del quale verrà presentato il libro
 Trasform’azioni – rassegna internazionale di danza butō, a cura di Samantha Marenzi.
Trasform’azioni è una rassegna di danza butō che compie dieci anni. È ed è stato uno spazio di ricerca, di sperimentazione, un contesto pedagogico e di continuo confronto con i maestri giapponesi e con le contaminazioni italiane e internazionali a cui nuove generazioni di danzatori hanno spinto questo solco di indagine. Il butō ha una storia propria e una molteplicità di storie derivate, tutte ancora da scrivere, figlie talvolta acerbe, per alcune delle quali Trasform’azioni si è sforzata di essere territorio di scambio e di visibilità. Samantha Marenzi raccoglie e consegna alla forma del libro interventi, interviste e testimonianze da cui traspaiono il patrimonio di una tradizione, possibili metodologie di trasmissione, strategie economiche e organizzative, la storia di una compagnia, la Lios, e di un’esperienza disseminata negli sguardi puntati da diverse direzioni, dall’esterno e dall’interno di questa.

Alle 20,45, nella piazza d’armi del Castello , Alessandra Crocco porterà in scena il suo Non ti ho mai tradito, storia di un ragazzo che dal 1943 al 1956, tra i 16 e i 29 anni, per caso o per scelta, visse da protagonista alcuni momenti cruciali del ‘900: il fascismo, la lotta partigiana, la guerra, il comunismo. E’ la storia di un ragazzo che scelse di fare della politica la sua vita.
“Oggi io che ho 28 anni, e che invece come vita ho scelto il teatro, guardo quel ragazzo che era mio nonno.” – dichiara la Crocco – “Parto dalla sua storia per raccontarne tante altre e per ricostruire un’epoca che rischia di essere dimenticata perché quelli che l’hanno vissuta e potevano raccontarcela ci stanno pian piano lasciando. Attraverso le loro vicissitudini, vorrei esplorare quella regione così ricca e veloce della vita umana che è la gioventù: l’impazienza dell’agire, la voracità del presente e la passione per il futuro. Si tratta di stabilire un ponte con quei “vecchi ragazzi” per capire se si può diventare adulti senza tradire sogni e passioni.”
“Oggi ho l’orgoglio di guardare idealmente negli occhi quel ragazzo che ero allora e di potergli dire: io non ti ho mai tradito.” (Pietro Nenni)

Alle 22,30, spazio al vincitore della sesta edizione del Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche “Dante Cappelletti” 2009, Fuori campo,  di Gigi Borruso e Transit teatro. Fuori campo è un concerto di voci e di corpi scomparsi da tempo alla vista. Ma anche un gioco sull’oscenità politica cui siamo esposti e sulle sue pratiche intimidatorie. In scena la voce di quell’umanità, di quelle realtà sociali, oggi totalmente ignorate dai media e dal discorso politico.
Solo la voce: residuo irriducibile di una condizione esistenziale. Epifania delle più profonde cicatrici della coscienza, che parla oltre le ideologie dominanti, fuori dalle rassicuranti, mistificanti logiche della comunicazione. Il progetto prende spunto dalle interviste realizzate da Danilo Dolci in Sicilia negli anni ‘50 e ‘60, e da una serie di audio-interviste che l’autore sta compiendo a Palermo, fra sottoproletariato, immigrati e senza dimora. Le registrazioni proposte sono state infatti effettuate a Palermo presso il campo nomadi della “Favorita” e fra i senza dimora che gravitano nella zona di Piazza Marina.
Gli acrobati di Rilke, gli angeli di Wenders, il cabaret yiddish e personaggi di sogno, che popolano l’immaginario europeo, si trasformano nei diversi di oggi: nomadi, migranti, rom, bambini, adulti.

Durante la serata saranno allestiti, sempre all’interno del Castello, appositi spazi di degustazione di prodotti tipici e di vini del paesaggio.

I biglietti sono in vendita:
– presso l’edicola Scarabocchio, corso Vittorio Emanuele 189, Monte Sant’Angelo (Fg) – 0884 562299
– ingresso del Castello di Monte Sant’Angelo (Fg)
– sul circuito di Booking Show (www.bookingshow.com)

Teatro Civile Festival di Legambiente è giunto alla quarta edizione. E’ socio fondatore del Consorzio 5FSS e fa parte della rete dei festival di Legambiente Festambiente.net. Promosso dalla direzione nazionale di Legambiente, gode di sostegno da parte di istituzioni e sponsor privati ed è organizzato dal circolo Legambiente FestambienteSud di Monte Sant’Angelo.

Info. e contatti
www.festambientesud.it
teatrocivile@festambientesud.it
telefax: 0884.565180
Mobile: 349.4038929
Teatro Civile Festival, in scena con Legambiente
Festival teatrale nazionale di Legambiente
Castello di Monte Sant’Angelo (Fg) dal 22 luglio al 25 luglio 2010

Ufficio Stampa
Teatro Civile Festival di Legambiente
www.festambientesud.it
Responsabile Ufficio Stampa: Pasquale Gatta / +39 349 4038929
Rosa Cotugno + 39 347 9642312 – Valentina Scirpoli
teatrocivile@festambientesud.it


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright