The news is by your side.

CIO’ CHE DIVIDE IL GARGANO, ONDARADIO HA GIA’ UNITO

10

Dati mediatici da capogiro e sinonimo di Gargano «che fa sistema» – Un mediagroup sempre più convincente

 

Si dice che ad unire il mondo, a trasformarlo in villaggio globale, a fargli udire e parlare una sola lingua ci sia riuscita meglio la Cnn che 250, 300, 500 «storici» vertici, tra capi di Stato, G8, G20, ritrovatisi alla fine solamente uniti nel constatarsi divisi. Fatte le dovute proporzioni, per il Gargano varrebbe lo stesso paradosso. Ad unirlo c’è riuscita meglio Ondaradio che 2.000 riunioni tra Sindaci, 2.500 sedute di comunità montana, 3.000 comunità dei Sindaci del Parco e via dicendo, anche questi ritrovatisi sempre uniti in una sola convinzione: quella di essere divisi.
 

Fotografa bene il caso Nicola Vascello, commissario dell’APT di Foggia, nonché stimatissimo ex assessore provinciale al Turismo, scrutatore attento del termometro dell’integrazione garganica quando valuta il fenomeno Ondaradio: «Ha dato forma e sostanza a quel «sistema» che molti a parole invocano, ma che con i comportamenti hanno sempre svuotato di significato. E ’la voce libera del Gargano per il Gargano. Diretta da una mente illuminata, coadiuvata da un drappello d’irriducibili giovani giornalisti, riesce ad essere sempre un qualche passo più avanti di tutti noi. Oggi rappresenta uno strumento indispensabile per tutto il territorio garganico».
Di fenomeno in effetti non è esagerato parlare. Ondaradio è un’autentica macchina da guerra: con la sua punta di diamante costituita dal sito web (www.ondaradio.info), macina dati da capogiro. L’outlook a certe sue performances non lascia spazio ad equivoci. Nell’ultimo triennio ha snocciolato una media di mezzo milione di visite (680.869 il top nel 2009, e in questo 2010 veleggia già oltre le 430 mila visite) materializzatasi in un altro dato ponderato di 2 milioni e mezzo di pagine visualizzate (media suppergiù fra 2.446.352 nel 2008, 3.189.450 nel 2009 e — dato provvisorio — 2.034.881 nel 2010).
Se si valuta che soltanto nel 2006 le visite si censivano in 31.733 e le pagine visualizzate in 130.454 si ha l’esatta percezione di un’espansione che — fossimo nel campo della crescita economica — si certificherebbe da «tigre asiatica» ovvero da capogiro.
Ma Ondaradio non è solo sito web, è anche un mediagroup consolidato in un bouquet comprendente anche la radio e la testata cartacea Il Faro settimanale, oltre al citato sito internet. Nell’ambito radiofonico anche l’offerta di programmazione per l’estate 2010 si sviluppa sui binari della «garganicità» sempre più matura ed altrettanto consapevole.
E’ partita già da qualche giorno la terza edizione di In Giro per il Gargano, un audio-magazine con notizie, curiosità e tantissime informazioni per turisti e residenti sull’estate della "Città Gargano". Il Gargano turistico e non, scandagliato, vivisezionato e servito direttamente a casa, nei villaggi, alberghi, in macchina. Contenuti dell’audio-magazine estivo più seguito sul Promontorio, con una diretta dal lunedì al venerdì (replica alla domenica mattina), dalle ore 10,00 alle 11,40 fino al prossimo 4 settembre.
La trasmissione, patrocinata dall’assessorato al Turismo della Regione Puglia, dall’APT e dall’Unione delle Pro Loco della nostra provincia e corona uno sforzo di ben 80 trasmissioni prodotte nelle precedenti due edizioni, con oltre 200 ore di diretta e 800 collegamenti. Background coltivato da Sandro Siena che quest’anno ha ceduto il testimone all’altra colonna della radio del Gargano, Antonio Troia. The last but not the least (l’ultimo, ma non certo il minimo) è Il Faro settimanale, periodico che dal 1996, ogni settimana, imprime sulle proprie colonne pulsioni, umori, cultura, dibattito, cittadinanza attiva, ormai punto di riferimento (con tiratura quasi sempre esaurita)di una variegata fascia di lettori che ritrovano in quelle righe un veicolo di identità e valori della appartenenza territoriale garganica.
Il mediagroup Ondaradio non si limita all’attività mediatica, ma persegue anche un’accurata strategia di marketing e di boasting promopubblicitario sul territorio ed a servizio del territorio. Il mare calmo ed una serata caldissima hanno contribuito al successo della prima minicrociera notturna a bordo della motonave Adriatic Princess, organizzata in occasione dello spettacolo pirotecnico che ha chiuso i festeggiamenti in onore di Sant’Elia Profeta patrono di Peschici, che ha collegato due quartieri della Città Gargano.

E’ iniziata, dunque, nel migliore dei modi la partnership tra OndaRadio, la Bisanum Viaggi e il Consorzio Marittimo del Gargano di Peschici, vincendo così antichi e tramontati campanilismi, dimostrando una volta di più che fare sistema si può! In questa felice direzione sono in cantiere numerose ed affascinanti iniziative e novità per rendere ancora più piacevole ed emozionante il soggiorno di tutti coloro che hanno scelto il Gargano per le vacanze estive.
Michele Soldano patron della Bisanum Viaggi ha le idee chiare in proposito: «Non è sufficiente solo il giusto badget per una campagna pubblicitaria, ma è ancora più importante la scelta del «mezzo». Ondaradio è seria e ben radicata nel territorio: lo riscontriamo tutti i giorni, ancor di più se si pensa che i nostri «prodotti» sono offerti ai turisti. L’ennesima dimostrazione l’abbiamo avuta dalla mini crociera organizzata per i fuochi pirotecnici di Sant’Elia a Peschici lo scorso 21 luglio. Cinque giorni di spot a mitraglia ed abbiamo avuto la nostra barca piena. E’ vero, Ondaradio «serve al Gargano» e per questo abbiamo mutuato lo stesso slogan per la nostra motonave Adriatic Princess: «la nave che serve al Gargano», appunto».
Un fascio di luci scintillanti quello che anima il quadro descritto, ma che non elimina i coni d’ombra così come li sintetizza Berardino Sicuro, presidente della società di broadcasting Mediando, che cura la raccolta pubblicitaria di OndaRadio: «Sono felice che la Bisanum abbia pensato a noi come strumento per divulgare la propria comunicazione, abbattendo i soliti luoghi comuni. La scelta dello strumento è determinante per la buona riuscita di una campagna di pubblicità. Noto con dispiacere, purtroppo, come tanti titolari di esercizi commerciali di Vieste si ostinino ad usare strumenti superati, obsoleti come gli orrendi pannelli disseminati per le vie cittadine. Una strategia pubblicitaria statica, inerte, che non fa risaltare alcun messaggio particolare se non la via e il numero di telefono, quando sono leggibili. Non se ne capisce l’investimento e soprattutto il ritorno dello stesso. A prezzi molto più accessibili noi garantiremmo una penetrazione pubblicitaria ben più affidabile, su misura e soprattutto riscontrabile nell’incontro fra offerente e fruitore dell’offerta pubblicitaria. E’ una sacca di «nemo profeta in patria» che non si riesce a scompaginare, nonostante dati di penetrazione mediatica inequivocabili che sedurrebbero chiunque ad investire in pubblicità».
Forse sono le parole del direttore Ninì delli Santi a svelare l’arcano di un paradosso tra i più paradossali: «Siamo a buon punto… miriamo alla luna. Mai il Gargano ha avuta la possibilità nella sua lunga e tormentata storia di tanta possibilità d’informarsi e di comunicare, di rendersi immagine e dimensione della propria identità ben precisa. Noi siamo uno «strumento» e non un fine. Siamo tutti sulla stessa navicella e se non riusciamo a prenderla vuol dire che è veramente «vero» che dalle nostre parti… «nulla è impossibile… dove nulla è possibile». Tuttavia il sogno impossibile di Ondaradio, dati alla mano, è sempre più possibile e palpabile».
Carmine Azzarone

 

 

Leggere è il cibo della mente
Quest’estate regalati

LA GRANDE IMPLOSIONE
rapporto sui viestani 1970 – 2007
il libro di ninì delli Santi

…”nulla è impossibile a Vieste
dove nulla è possibile”…

———————————————————-

LA CITTA’ VISIBILE
L’odonomastica di Vieste
dall’era antica ad epoca contemporanea
di Matteo Siena

in edicola o librerie
prenotazioni e spedizioni
0884/704191
oppure info@ondaradio.info

———————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright