The news is by your side.

Vieste/ E’ ad ostacoli la strada provinciale per la Foresta Umbra

9

Proteste e segnalazioni per le buche. Il sindaco: “la Provincia è distratta. Porgo le mie scuse, faremo da noi”.

 

Quasi sei chilometri di tragitto, ricoperto da ciottoli, con buche e crepe che attraversano tutte e due le carreggiate, e dove le automobili si muovono facendo autentiche gimkane. Tempi di percorrenza: oltre quindici minuti. Non è una strada di campagna e nemmeno un percorso
specialistico per i rally ma più semplicemente una strada provinciale, anche se abbandonata da diversi anni. E la provinciale numero 89 — innesto Mattinata-Vieste — che collega il lungomare di Vieste con la Foresta Umbra. Un’arteria che dal centro garganico entra nel cuore del Parco nazionale e dove si trovano le abitazioni di alcuni residenti di Vieste, qualche residence e ville di turisti, Tutti, indistintamente, stanchi di convivere con questi problemi di viabilità. «Ogni giorno
— racconta un turista che da anni viene a villeggiare in zona — per scendere a mare la
percorriamo a velocità ridottissima a causa delle buche che ci sono su tutta la strada. Abbiamo fatto richieste a tutti ma senza ricevere alcuna risposta». Sei chilometri di strada non asfaltata e senza alcuna segnaletica verticale. Per la verità qualche cartello c’è, ma giace a terra senza che nessuno faccia qualcosa. «Il vero problema — spiega Ida Romeo, una signora di Foggia che ha una villa lungo la provinciale — non e solo il fatto che siamo costretti a percorrerla a velocità ridotta, per evitare danni alle automobili. È anche una questione di sicurezza». Qualche settimana fa, infatti, una congiunta della signora Romeo ha avuto un grave malore e la famiglia e stata costretta a trasportarla al pronto soccorso di Vieste, lungo quella provinciale. «Avevamo necessità di affrettarci per la gravità del fatto
— aggiunge la signora — e comunque, con tutte quelle buche e quelle cavità lungo la strada, non è stato un tragitto agevole». Una strada, dicono in molti, quasi inaccessibile ad un’autoambulanza che trasporta un malato, magari intubato: il mezzo ma, soprattutto il paziente, sarebbe sottoposto a notevoli sobbalzi a causa del manto stradale del tutto sconnesso. Nonostante le tante richieste di intervento alla Provincia, però, non è arrivata mai alcuna risposta. La strada provinciale, e con essa i residenti e i turisti della zona, continuano ad essere abbandonati. Alcuni dei residenti, stanchi di non ricevere alcuna risposta dall’ente di Palazzo Dogana proprietario dell’arteria e, quindi, responsabile della manutenzione, avrebbero già avviato delle procedure legali per chiedere i danni subiti dalle loro automobili.

Il sindaco. “La Provincia è distratta, porgo le mie scuse, faremo da noi”
— «Conosciamo i problemi dei residenti e dei turisti che abitano lungo quello strada. Anche noi abbiamo chiesto interventi alla Provincia di Foggia, senza avere alcuna risposta. Per questo in passato abbiamo fatto noi qualche piccolo lavoro». La sindaca di Vieste, Ersilia Nobile, interviene sulle proteste dei residenti e dei turisti che sono costretti a convivere con i problemi della provinciale. Nei mesi scorsi, ha aggiunto il primo cittadino l’amministrazione comunale di Vieste ha alleviato alcuni problemi asfaltando la prima parte della strada e, in particolare, quella dove si trovano alcune scuole. «Non potevamo fare di più — ha aggiunto la sindaca —. Porgo le scuse ai turisti e ai residenti della zona. Se dopo l’estate la Provincia non farà ancora nulla cercheremo di fare qualcosa noi, pur nelle nostre limitate possibilità economiche».

Luca Pernice

Leggere è il cibo della mente
Quest’estate regalati

LA GRANDE IMPLOSIONE
rapporto sui viestani 1970 – 2007
il libro di ninì delli Santi

…”nulla è impossibile a Vieste
dove nulla è possibile”…

———————————————————-

LA CITTA’ VISIBILE
L’odonomastica di Vieste
dall’era antica ad epoca contemporanea
di Matteo Siena

in edicola o librerie
prenotazioni e spedizioni
0884/704191
oppure info@ondaradio.info

———————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright