The news is by your side.

Gli spinaci? Ottimi per allontanare il diabete

7

Per tenere lontano il diabete di tipo 2 bisognerà seguire l’esempio di Braccio di Ferro. Stando a uno studio condotto dall’Università di Leicester (Gran Bretagna) e diretto dalla professoressa Melanie Davies, sembra infatti che gli spinaci siano la medicina ideale per tener a bada il rischio di sviluppare questa grave patologia che a oggi colpisce solo in Italia 2,5 milioni di persone.

 Il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia) e dovuta a un’alterata quantità o funzione dell’insulina. In particolare il tipo 2, la forma più comune di diabete, è caratterizzato da disordini dell’azione e della secrezione insulinica, ciascuno dei quali può essere responsabile dell’aumento della glicemia nel sangue. In genere  il rischio di sviluppare la malattia aumenta con l’età, con la presenza di obesità e con la mancanza di attività fisica. Ma è anche vero che si potrebbe prevenire semplicemente con una buona porzione di spinaci. Gli  esperti hanno preso in esame 220mila adulti. Di questi sono stati analizzati i dati medici e alimentari. Ebbene, stando a quanto pervenuto chi ha consumato una porzione di spinaci (o di altre verdure a foglia verde) al giorno è riuscito a ridurre  del 14% le possibilità di manifestare il diabete di tipo 2.Incredibile, vero? Gli spianaci oltre che ad esser buoni sono persino un toccasana ideale per abbattere una delle malattie più diffuse al mondo. Ma è anche vero che contengono tante altre caratteristiche salutari. Innanzitutto, sono ricchissimi di ferro e, grazie ai loro 2,9 mg di minerale per 100 grammi di prodotto fresco, ne detengono il primato fra gli ortaggi. Inoltre  sono un rimineralizzante di grande valore, contengano alte dosi di antiossidanti, vitamina C e sali minerali. E ancora, hanno proprietà antianemiche, depurative e contengono molta clorofilla, indispensabile per fissare calcio, fosforo e magnesio nella struttura ossea. Che dire? Sembra proprio che Braccio di Ferro avesse ragione: gli spinaci danno sempre una marcia in più, anche se non proprio a tutti.  Contengono infatti molto acido ossalico e per questo sono controindicati per i sofferenti di artrite.

Elisabetta Paladini

 

 

 

Leggere è il cibo della mente
Quest’estate regalati

LA GRANDE IMPLOSIONE
rapporto sui viestani 1970 – 2007
il libro di ninì delli Santi

…”nulla è impossibile a Vieste
dove nulla è possibile”…

———————————————————-

LA CITTA’ VISIBILE
L’odonomastica di Vieste
dall’era antica ad epoca contemporanea
di Matteo Siena

in edicola o librerie
prenotazioni e spedizioni
0884/704191
oppure info@ondaradio.info

———————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright