The news is by your side.

Agli “appuntamenti d’estate” di Rodi Garganico: “Bisogna puntare sulla destagionalizzazione”

9

Due serate da incorniciare. L’accogliente porto Marina di Rodi Garganico, piccolo salotto sotto le stelle, per parlare di narrativa e turismo appuntamenti organizzati da Lucy Petrucci dello “Yachtclub Marina di Rodi Garganico. A far gli onori di casa, Rossella Santoro, letteralmente innamorata di un Gargano sempre magico, che continua a suscitare emozioni, nonostante qualche “neo’. A fine stagione estiva è tempo per una riflessione a caldo.  La traccia tematica del confronto che ha visto insieme l’assessore provinciale al turismo, Billa Consiglio, i sindaci di Rodi Garganico, Carmine D’Anelli e Vico del Gargano, Luigi Damiani, il vice sindaco dì Vieste, Saverio Prencipe il commissario dell’ente parco, Stefano Pecorella; il direttore di “Gente Viaggi”, Sìlvestro Serra.
La “ricetta” per un salto di qualità del turismo è “fare sistema”. Come tradurre tutto questo in comportamenti virtuosi le posizioni degli amministratori differenziano di poco.
Un Gargano che custodisce un patrimonio culturale significativo, con le sue monumentali testimonianze e le cattedrali della “religiosità”, ha le carte in regola per cominciare a “camminare” sulle proprie gambe, senza alcun timore reverenziale; sono, questi, alcuni dei suoi “gioielli” di famiglia da spendere con lungimiranza Quando si parla dello sviluppo turistico del Gargano non si può, e non si deve, guardare, dunque, alla sola fruibilità della stagione balneare, ma è indispensabile che amministratori ed operatori turistici abbiano una considerazione più ampia che concerne non solo la qualità dell’acqua, ma anche del paesaggio, della sostenibilità, dell’enogastronomia di ogni località.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright