The news is by your side.

Eccellenza – Vieste non solo bello ma anche vincente a Bari

8

Torna il sorriso in casa Atletico Vieste, a tre giorni dal pareggio amaro con il Liberty Monopoli. I tre punti conquistati meritatamente sul campo del San Paolo Bari permettono alla formazione di Franco Cinque di raggiungere la quarta posizione in classifica con 7 punti, a tre lunghezze dalla capolista Sogliano (corsara a Monopoli per 4-2) e a uno dalla coppia Locorotondo-Bisceglie.

Il risultato è stato deciso da un’incornata di Rocco Augelli, alla seconda segnatura stagionale: Marino serve in verticale Maurizio Gentile spostato sulla destra; controllo e cross al centro dell’area piccola dove il compagno di reparto non ha difficoltà ad insaccare, mandando in rete da distanza ravvicinata.

Risultato sbloccato al 40mo del primo tempo ma la supremazia viestana in campo è già evidente viste le buone occasioni precedentemente allestite ma non concretizzate: al 18mo Gentile si libera dal limite e calcia un pallone troppo centrale per impensierire il portiere Monaco. Sei minuti dopo Marino serve in verticale Rocco Augelli, costringendo l’estremo difensore avversario a bloccare in scivolata. Al 29mo Rocco non cerca la conclusione in porta da buona posizione preferendo il tocco al centro dove, però, non c’è nessun compagno di squadra.

Nella prima frazione di gioco i padroni di casa si sono resi pericolosi solo al 21mo con un tiro dal limite di Scarola che carambola sul corpo di Vario, creando una deviazione che mette apprensione nella difesa viestana. Bua, immobile tra i pali, ha solo la possibilità di guardare il pallone andare in corner dopo aver fatto la barba al palo. Qualche secondo prima dell’intervallo, sempre Scarola impensierisce Bua che con i pugni manda in calcio d’angolo una gran botta su punizione battuta qualche metro fuori dall’area.

Nella ripresa il San Paolo Bari spinge sull’acceleratore per ripristinare l’equilibrio della gara, lasciando pericolosi varchi in difesa: già dopo 120 secondi dalla ripresa del gioco, Marino (una vera spina nel fianco una volta spostato tra le linee avversarie) sfiorava la traversa con una conclusione dal limite dell’area.

Le uniche due preoccupazioni per Bua e compagni giungono da due azioni molto simili tra loro: all’undicesimo un cross raggiunge Loiodice appostato sul vertice destro dell’area piccola, ma il ritorno di Corbo e Paolo Augelli crea apprensione nell’attaccante barese che calcia oltre l’incrocio dei pali opposto. Al 22mo, invece, il traversone raggiunge il temuto attaccante Quercia (giunto in settimana e all’esordio dal primo minuto) che colpisce in sforbiciata a colpo sicuro, facendo urlare al gol compagni di squadra e il centinaio di tifosi presenti allo stadio. Ma quell’urlo rimane strozzato nelle gole di tutti perché Pasquale Bua, con un balzo felino, si allunga verso l’incrocio dei pali, lo smanaccia e lo devia in corner, compiendo una parata che vale 2 dei tre punti portati a casa, e la dedica per la sua fidanzata.

La gara del San Paolo Bari finisce qui, lasciando spazio sui taccuini alle folate offensive dei veloci attaccanti viestani. Almeno tre le occasioni imbastite dagli ospiti fino al termine: al 27mo Marino colpisce di destro verso il palo opposto ma troppo debolmente per impensierire il portiere locale, al 34mo Paolo Augelli prova a bissare la rete di giovedì deviando di testa un corner, ma questa volta il pallone attraversa l’intero specchio della porta lambendo il palo opposto, e al 40 una veloce combinazione Gentile-Rocco Augelli si spegne di poco al lato.

Minuti finali caratterizzati dal nervosismo dei padroni di casa, che vedono sventolare per due volte il cartellino rosso per proteste nei confronti di Loiodice e  Montrone (quest’ultimo dopo il triplice fischio).

Torna a vincere la squadra di Franco Cinque dopo il successo sul Cerignola nell’esordio stagionale. Partito con il 5-3-2 schierato già nelle precedenti partite, Cinque ha modificato il modulo passando al 4-4-2 spostando Vario sulla corsia di sinistra, Ciuffreda sulla linea dei centrocampisti sulla stessa fascia di Vario, e Marino un po’ più avanti per rifornire le punte (proprio da una sua apertura è nata la segnatura che ha deciso la partita).

Deludente il San Paolo Bari, che ha subito spesso la pressione sulla mediana dei centrocampisti viestani e imbastito il proprio gioco con lunghi (ed inutili) fraseggi sulla linea di centrocampo nell’attesa di cercare la testa del possente Quercia (letteralmente annullato da Corbo e Sollitto).

Domenica prossima l’Atletico ospiterà il Maruggio, protagonista di un rocambolesco 3-3 sul proprio campo contro il Racale. Giovedì, invece, ci sarà la gara di andata valevole per il secondo turno di Coppa Italia: al “Monterisi” giocheranno Audace Cerignola – Atletico Vieste.

Sandro Siena

Atletico Vieste: Bua, Augelli P., Sollitto, Vairo, Corbo, Ciuffreda, Augelli R. (45st Stramaglia), Zoila, Gentile, Colella, Marino (42 st Barbone) (a disposizione Brunetti, Santoro, Simone, Favulli, Riontino) All. Franco Cinque

San Paolo Bari: Monaco, Ambrosi, Montrone, Dentamaro, Chimenti, Cantalice (20st Cutrignelli), Scarola (5st Palasciano), Di Bari (16 Bellomo), Quercia, Loiodice, De Tommaso (a disposizione Levante, Marino, Foggetti, Ferri)

Rete: 40pt Rocco Augelli


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright