The news is by your side.

Incendi a Peschici ecco i risarcimenti

7

Il sindaco Domecico Vecera: in arrivo un progetto del ministero dell’ambiente per il rimboschimento. Dopo tre anni si aprono nuovi spiragli per il patrimonio garganico.

 

Arrivano i primi risarcimenti conseguenti all’incendio dei Camping nella zona Peschici del 2007: ad ottenere il risultato positivo è la Confonsumatori Foggia. Il disastroso incendio di Peschici, esattamente del 24 luglio di tre anni fa distrusse una delle parti più pregiate della costa garganica recando danni per svariate decine di Milioni di euro a proprietari di villaggi e alle migliaia di
vacanzieri, senza contare il danno d’immagine di una grande montagna in fumo, nonché il danno in materia di flora e fauna. A cantare vittorie è il presidente provinciale Pio Giorgio Di Leo.“Finalmente si è riusciti a transigere e risarcire alcuni associati—campeggiatori per i danni subiti nella vicenda che ha avuto clamore nazionale tre anni fa” -spiega Di Leo. Dopo l’incendio le richieste di risarcimento danni furono inoltrare all’Eurotouring, società che gestisce il Camping San Nicola quello più esposto e danneggiato quasi completamente dal rogo-, ed alla sua compagnia di assicurazioni Fondiaria-Sai, precisamente il gruppo Sai. A costoro sono stati forniti tutti i documenti utili a ricostruire i danni subiti dal campeggiatori Successivamente la società del Camping unitamente alla compagnia assicurativa, hanno dato corso all’arbitrato tecnico per
stabilire la responsabilità civile che intercorre tra di loro. I due periti, in base alla documentazione fornitagli, hanno potuto correttamente valutare e concordare i danni ai soli beni mobili registrati e andati distrutti nell’incendio come camper, caravan,auto o roulotte. “Dopo molte pressioni ed insistenze da parte di Confconsumatori – continua l’avvocato Di Leo – è stata concordata l’entità dei danni, che equivale a circa 90% di quanto stabilito in arbitrato, poiché vi è impossibilità di risarcire il 100% per non sfondare il massimale di polizza previsto. Questo successo è importante perché la Confconsumatori di Foggia e quindi il sottoscritto, sono i primi in Italia ad ottenere questo risultato”. In seguito gli stessi danneggiati si riserveranno di agire per i cosiddetti danni morali e da vacanza rovinata. Un passo in avanti per alleviare la rabbia che nonostante il tempo trascorso non si è affievolita di quei villeggianti che durante quella che doveva essere una vacanza hanno perso tutto quel bagaglio anche affettivo di cose che per loro era sinonimo di estate. Molti non sono più tornati, ora forse, avranno la possibilità di riacquistare il camper perduto e riaffacciarsi sulla Montagna del sole. Abbiamo contattato il primo cittadino di Peschici Minuno Vecera per sapere qualcosa di più sulla questione, ma siamo proprio noi a informarlo per la prima volta della cosa: “questa notizia non ci è ancora giunta- le sue parole- nelle prossime ore vedrò di reperire notizie precise e dettagliate. Tuttavia, non posso che esserne felice. Quei villeggianti che hanno perso tutto, e che hanno chiesto ad alta voce, giustamente, di essere risarciti finalmente avranno un quello che gli spettava. Peccato che però altri risarcimenti promessi non sono mai arrivati
—chiosa Vecera. Non abbiamo visto il Milione di euro promesso da Vendola, ne l’appoggio del governo Prodi.” Dopo le passerelle infatti, Peschici e i suoi operatori del settore più colpiti non hanno potuto far altro che rimboccarsi le maniche e rimettere a nuovo a proprie spese le proprie strutture. Anche se c’è ancora molto da fare; nella zona di San Nicola non è stata conclusala bonifica, e si scorgono ancora i pini anneriti, segno tangibile, e negativo, del disastro di quel giorno, che l’ente comunale dovrebbe finire di asportare. “In questi giorni invece si delinea un progetto del Ministero dell’Ambiente che prevede il rimboschimento di una parte della superficie boschiva distrutta da quell’imponente rogo”- dichiara il Sindaco.

L’Attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright