The news is by your side.

Eccellenza – Prima sconfitta interna per l’Atletico Vieste

7

L’Atletico Vieste così brutto quest’anno non lo avevamo ancora visto: i giocatori sono apparsi mentalmente lontani dalla partita, in costante ritardo su ogni pallone e imprecisi negli appoggi più elementari.

Sul piano del risultato, la degna conseguenza di tutto questo si traduce in una sconfitta casalinga per 2-0 in favore dell’Atletico Tricase che si è limitato a contenere le sterili offensive viestane e a sfruttare la prestanza fisica dei suoi giocatori più avanzati per imbastire azioni di attacco.

La gara, alla fine per niente spettacolare, si era aperta con un’ottima occasione per Maurizio Gentile che mandava di poco sopra la trasferta da buona posizione. Due minuti dopo, per l’esattezza all’ottavo, il Tricase sbloccava il risultato: Cimino calciava una punizione dalla destra pescando Ferrante appostato a due passi dalla linea dell’area piccola, completamente dimenticato dai difensori locali; l’attaccante ospite colpiva la palla di testa mandandola dietro le spalle del portiere Bua.

L’Atletico Vieste, già poco determinato, scompariva letteralmente dal campo nonostante le variazioni tattiche impartite da Franco Cinque che al 25mo mandava in campo il centrocampista Barbone al posto del difensore centrale Favulli (schierato dal primo minuto in sostituzione dello squalificato Corbo). Ma era sempre il Tricase ad avere in mano il pallino del gioco: al 32mo Escobar saltava Sollitto ma veniva anticipato in area da Vario; nel rinviare, però, il giovane difensore viestano serviva inavvertitamente Cimino, lesto a verticalizzare per Striano, abile ad anticipare il portiere Bua in uscita mandando il pallone ad insaccarsi accanto al palo più lontano.

Il risultato sarebbe stato anche più rotondo per gli ospiti se Escobar, dopo aver saltato l’intera difesa locale, non avesse insistito nel tentare la conclusione a rete ignorando Ferrante, completamente libero al centro dell’area.

Al ritorno dagli spogliatoi non cambiava la sostanza dei fatti: Vieste sempre lontano dalla partita e Tricase totale dominatore del campo. Entrambe le squadre si affidavano a lanci dalle retrovie per cercare le punte avanzate, con la differenza che la prestanza fisica di difensori ed attaccanti ospiti aveva costantemente la meglio su quella dei locali.

Poche le occasioni da rete nella ripresa: per il Tricase Ferrante non riusciva a indirizzare nello specchio un colpo di testa su appoggio dalla destra di Escobar, mentre Gentile sfiorava l’incrocio dei pali da buona posizione.

Nel finale di partita si accendevano gli animi in campo: Colella veniva trattenuto alle spalle da Striano e, nel tentativo di liberarsi, lo colpiva con una mano sul collo. Per l’arbitro Ayroldi c’erano gli estremi per ammonire il giocatore ospite e per sventolare il cartellino rosso al centrocampista viestano.

L’Atletico Tricase si conferma bestia nera delle squadre di alta classifica, avendo già sconfitto l’attuale capolista Martina, il Sogliano (quando era in testa alla graduatoria) e fermando sul pari le due squadre che oggi sono appaiate sul secondo gradino: Bisceglie e Copertino.

In casa Atletico Vieste questa delusione smorza l’entusiasmo che ha accompagnato la comitiva al ritorno dalla vittoriosa trasferta di Fasano. Franco Cinque avrà il suo bel da fare in settimana per far tornare la giusta concentrazione nelle teste dei suoi giocatori, e per trovare la soluzione per sopperire alle assenze di Colella e Ciuffreda, entrambi assenti per squalifica nella gara esterna di domenica prossima sul campo del Manduria.

Sandro Siena


ATL. VIESTE: Bua, Augelli P., Sollitto, Vario, Favulli (25pt Barbone), Ciuffreda, Augelli R., Zoila (30st Simone), Gentile, Colella, Marino (40st Stoppiello) (a disposizione Brunetti, Stramaglia, Riontino, Santoro). All. Franco Cinque

ATL. TRICASE: Cesari, Barbieri, Rizzo, Buono, Citto, Potì, Striano (47st Stefanelli), Perrone, Escobar, Cimino, Ferrante (41st Corvaglia) (a disposizione Incarnato, Micelli, Mastria, Di Lollo, Ponzo). All. Gigi Bruno

Arbitro: Ayroldi di Molfetta (Traetta – Giancaspro)

Reti: 8pt Ferrante, 32pt Striano

Ammoniti: 30pt Cimino (T), 10st Perrone (T), 17st Zoila (V), 20st Ciuffreda (V), 25st Buono (T), 42st Striano (T), 47st Vairo (V)

Espulso: 42st Colella (V)


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright