The news is by your side.

Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico/ Peppino Maratea scrive al sindaco di Vico Damiani

4

Caro Sindaco,
credo che tu sappia che a Paestum (dal 18 al 21 novembre) si svolge la 13^ edizione della Borsa Mediterranea del turismo archeologico. Il più importante, se non l’unico, appuntamento espositivo al Mondo di quel settore. E sono sicuro che ti è sufficientemente noto il valore dei non irrilevanti giacimenti archeologici diffusi sul territorio di Vico del Gargano (Sfilzi, Monte Tabor, Macchia a Mare, Monte Pucci etc..).

Una “vetrina” prestigiosa, quella di Paestum, per migliorare la qualità dell’offerta turistica e della valorizzazione del patrimonio culturale del nostro Comune.
Dalle notizie, però, che, con le difficoltà ormai croniche, filtrano da “Palazzo S. Domenico”, apprendo con rammarico che, ancora una volta, Vico non sarà presente. Rammarico comprensibile, se penso che spesso ne avevo discorso con qualche tuo collaboratore, che se ne era interessato (o così mi era parso). Ma, probabilmente, la colpa è mia che faccio fatica a convincermi che “verba volant”…
Comunque sia, dati i costi non proibitivi che renderebbero poco credibili le “litanie” sulle ristrettezze del bilancio comunale (che pure esistono), non pensi che sia possibile, in “zona Cesarini”, recuperare la partecipazione, sacrificando, magari, qualche “pettolata”o ricorrendo a qualche “sponsorizzazione” privata o di Istituto di Credito territorialmente presente?
Un cordiale saluto

Giuseppe Maratea, consigliere comunale.

P.S. So perfettamente che mi obietterai che in assenza della recinzione dei siti, della loro “messa in sicurezza”, di una sia pur minima organizzazione di materiali promo-pubblicitari, di percorsi “virtuali” etc., la partecipazione alla Borsa di Paestum si potrebbe risolvere nella solita “gita fuori porta” e che dal “bene” nascerebbe il “male”. Ma sarebbe cadere nella stucchevole discussione del “prima l’uovo o la gallina”.
La sfida, invece, sarebbe trasformare i “punti di debolezza” in “punti di forza”, enfatizzando quest’ultimi e attuando idonee terapie per i primi.
g.m.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright