The news is by your side.

Peschici/ Responsabilità amministratori si faccia subito chiarezza

22

Le reazioni: “piena fiducia nello operato della magistratura”.

 

I fatti che hanno gettato amministratori comunali, funzionari e imprenditori di Peschici in una sorta di incubo dal quale forse non tutti gli indagati, a distanza di alcuni giorni, ne hanno ancora preso piena consapevolezza, non trovano la sponda in una comunità locale che sembra aver fatto scivolare sulla propria pelle i provvedimenti restrittivi emessi dalla procura di Lucera. Una reazione, per certi versi incomprensibile trattandosi di una cittadina che, d’inverno, vive la stagione dell’isolamento; i soliti volti nella piazza centrale, poche anime che sono l’altra faccia della medaglia della trasformazione di Peschici negli ultimi decenni. Da paese di pescatori e agricoltori ad operatori turistici che oggi dispongono di patrimoni che assommano a cifre con molti zeri. Il ritrovarsi, dopo il terrificante incendio di tre anni fa, sotto i “riflettori” dei media a vivere una situazione che vede coinvolti persone con le quali, quotidianamente, ci si incontra in piazza o in municipio, “cuce” come suol dirsi le bocche, per cui ci si trincera dietro il laconico “Aspettiamo che la giustizia faccia il suo corso”. La chiave di lettura di tutto questo è proprio nel comunicato diffuso dal locale circolo del Partito Democratico, che “esprime sconcerto e amarezza nel vedere Peschici, ancora una volta, in prima pagina per fatti di cronaca nera”. Tutti chiedono che si arrivi, il più presto possibile, a definire il percorso delle indagini, e questo al fine di chiarire una vicenda che colpisce al “cuore” una cittadina che chiede soltanto che tutto questo possa essere a breve, posto alle spalle. Il portavoce del locale circolo del Pd, Valter Tauber, nell’esprimere “piena fiducia nell’azione della magistratura”, nello stesso momento chiede che “rapidamente si arrivi alla verità, appurando eventuali responsabiità, ribadisce la convinzione nel principio della presunta innocenza fino a prova contraria, augurandosi che le persone coinvolte nell’inchiesta possano dimostrare la propria innocenza. La nostra comunità – conclude Tauber – è stata colpita duramente in questi ultimi anni, abbiamo bisogno di serenità e senso civico per uscire da questo indiscutibile momento così buio per la nostra città”. Apprezzabile l’invito a “tutte le forze politiche alla responsabilità, a non strumentalizzare gli ultimi avvenimenti, nel rispetto delle persone coinvolte e dei loro familiari”.
Un appello che è stato accolto dalle altre forze politiche, da tutti quei consiglieri che dai banchi dell’opposizione, in questo primo segmento di legislatura, hanno ripetutamente puntato l’indice nei riguardi dell’Esecutivo, contrapposizione che è propria nella natura del confronto politico che, però, si apre e si chiude nella sala consiliare.

Francesco Mastropaolo


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright