The news is by your side.

Vico/ “Vogliamo lavorare”

13

Un gruppo di giovani disoccupati vichesi scende in piazza per protestare.

 

Giornata di protesta per un gruppo di giovani disoccupati vichesi, che fin dalle prime ore del mattino hanno sostato in Piazza S. Domenico, davanti l’ingresso di Palazzo di Città, per far sentire la loro voce.

Chiedono di lavorare, di essere presi in considerazione, di poter “sfamare” le proprie famiglie.

Richieste comuni di questi tempi, richieste legittime. La pessima situazione economica e produttiva dei nostri territori, negli ultimi anni, ha costretto moltissimi giovani ad emigrare, mentre quelli rimasti hanno dovuto “arrangiarsi” alla meglio per poter “sbarcare il lunario”.

Una protesta civile ma forte, tanto che uno dei giovani disoccupati si è incatenato davanti al “Monumento dei Caduti”, in una giornata peraltro freddissima. Dopo poche ore è stato chiesto l’intervento del 118 per accertare le condizioni dell’operaio, visibilmente infreddolito.

Sono giunti sul posto il sindaco Luigi Damiani e l’Assessore Michele Pupillo, che hanno cercato ed ottenuto un dialogo con i manifestanti, che hanno ribadito le loro esigenze. In particolare chiedono alle aziende di “assumere meno soggetti provenienti da altri paesi lasciando più spazio ai locali”.

Il Sindaco ha subito indetto una riunione programmatica con una rappresentanza dei disoccupati, fissata per giovedi 27 gennaio, allargata a tutta l’Amministrazione comunale, per discutere e verificare le possibili azioni da intraprendere, senza perdere di vista tutte le progettazioni in atto da tempo e che a breve si spera saranno in grado di dare risposte concrete in termini occupazionali.

“Molto spesso il Comune viene scambiato per L’Ente che può incidere immediatamente in qualsiasi dinamica sociale, ma non bisogna dimenticare, – sottolinea il Sindaco,-  che siamo servitori e non padroni del paese. Per questo ci adopereremo con tutte le nostre iniziative per fronteggiare al meglio questo difficile momento”.

L’intervento di Michele Pupillo:

“Quando le istituzioni vengono sensibilizzate anche in maniera così eclatante, come la protesta messa in atto da un gruppo di giovani disoccupati, che non chiedono altro che il loro diritto ad avere occasioni e possibilità di lavoro, come Assessore alle Attività produttive del Comune di Vico del Gargano, non posso che essere solidale alla loro manifestazione e sentirmi al loro fianco.
Penso che ormai sia arrivato il momento, di fronte al disagio sociale, di “aprire le gabbie” che limitano le possibilità di intraprendere iniziative produttive che generano lavoro sia da parte dei privati che delle Pubbliche Amministrazioni.
Non si può continuare ad essere iperprotettivi nei confronti di alcune categorie di cittadini e lasciare nel disagio sociale chi,  protezioni non ne ha mai avute”.

Michele Lauriola


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright