The news is by your side.

Giunta provinciale approva disciplinare per affidamento lavori, forniture e servizi di progettazione

20

L’assessore Domenico Farina: "Addio ai cottimi fiduciari e più trasparenza nelle procedure di assegnazione".

 

"L’assegnazione di lavori, forniture e servizi di progettazione da parte della Provincia di Foggia da oggi avrà una disciplina più trasparente, all’interno di un quadro di riduzione delle soglie economiche per gli affidamenti diretti o attraverso la formula del cottimo fiduciario". Così Domenico Farina, assessore provinciale ai Lavori Pubblici, commenta l’approvazione, da parte dell’esecutivo di Palazzo Dogana, del disciplinare che ridefinisce la procedura di affidamento dei lavori, sevizi e forniture in economia tramite cottimo fiduciario. "Si tratta di un disciplinare che disegna la cornice complessiva in cui sarà collocato il nuovo regolamento che sarà portato presto all’attenzione del Consiglio provinciale – afferma Farina – e che punta da un lato a circoscrivere in modo più stringente la discrezionalità nell’affidamento e dall’altro a migliorare e potenziare la trasparenza amministrativa". Il disciplinare approvato dalla Giunta provinciale ridefinisce sostanzialmente, con la modifica dell’articolo 3, quello licenziato il 18 luglio 2007 dalla precedente Amministrazione, tanto sul piano degli importi quanto sotto il profilo delle procedure di affidamento. Con il precedente disciplinare, infatti, per i lavori sino a 50mila euro era possibile l’esecuzione in amministrazione diretta, fino a 40mila euro l’affidamento diretto, da 40mila euro e fino a 200mila euro il ricorso al cottimo fiduciario, oltre 200mila euro la gara pubblica con procedura apertura; per le forniture sino a 20mila euro l’affidamento diretto, da 20mila euro fino a 211mila euro il ricorso al cottimo fiduciario; per i servizi di progettazione sino a 20mila euro l’affidamento diretto, da 20mila euro e fino a 100mila euro con una selezione tra almeno 15 soggetti. Il nuovo disciplinare, invece, prevede per lavori fino a 40mila euro l’affidamento diretto o mediante cottimo, da 40mila euro in poi la gara pubblica con procedura aperta; per le forniture fino a 20mila euro l’affidamento diretto o mediante cottimo, da 20mila euro in poi la gara pubblica con procedura aperta; per i servizi di progettazione fino a 20mila euro l’affidamento diretto, da 20mila euro in poi la selezione mediante il bando pubblico. Il tutto, ovviamente, con l’obbligo di ricorrere all’elenco delle ditte di fiducia dell’Ente iscritte nell’Albo provinciale. "Possiamo dire con orgoglio di aver apportato una notevole e positiva innovazione in questo campo – evidenzia l’assessore provinciale ai lavori Pubblici – superando una formula connotata da eccessivi margini di discrezionalità nell’utilizzo a rotazione delle ditte iscritte nell’Albo di fiducia della Provincia. Con il precedente disciplinare, infatti, il ricorso alla gara pubblica con procedura aperta avveniva con importi economici superiori ai 200mila euro, mentre con quello appena approvato la gara sarà disposta per lavori o forniture già per un importo superiore a 40mila euro. Una svolta – conclude Farina – che abbiamo inteso adottare per un verso per potenziare e migliorare gli aspetti che attengono la trasparenza amministrativa e per l’altro sulla base della volontà di rendere operativo un sistema più snello che, nel rispetto della normativa che disciplina questa materia, possa venire incontro anche alle esigenze delle imprese del territorio in un momento di così difficile crisi economica, dando loro la possibilità di partecipare alla stragrande maggioranza delle gare bandite dall’Amministrazione".


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright