The news is by your side.

Manfredonia/ Michele Gallifuoco è il nuovo assessore all’Ambiente

19

Revoca di Nunzio Giandolfi imposta da problematiche di natura politica all’interno dell’UdC.

 

Il sindaco Angelo Riccardi ha reso nota la revoca della carica assessorile a Nunzio Giandolfi.
La nomina ad assessore del Comune di Manfredonia, con delega all’Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, era stata conferita al suddetto Giandolfi in seguito all’assetto politico-amministrativo sancito nella dichiarazione d’intenti sottoscritta dal raggruppamento di maggioranza.
“Purtroppo, problematiche di natura politica, sorte a livello sia comunale sia provinciale, all’interno del raggruppamento di appartenenza di Nunzio Giandolfi, l’Unione di Centro, ci hanno indotto a questa decisione. A malincuore, perché l’assessore ha lavorato con solerzia e vivo senso del dovere, guardando al bene della città. Colgo l’occasione per ringraziarlo del lavoro svolto in questi mesi, del supporto costante e della produttiva collaborazione”, ha commentato Angelo Riccardi.
Il sindaco, pertanto, ha dovuto provvedere con assoluta urgenza alla necessaria sostituzione, tenendo presente l’aggregazione che ha sostenuto il suo programma politico, e sulla cui base poggia la coalizione di maggioranza e la sua stessa elezione.
Tenendo, inoltre, conto delle indicazioni formalmente prodotte a firma congiunta dal coordinatore cittadino e dal presidente cittadino dell’UdC, e verificati i requisiti di compatibilità ed eleggibilità, il sindaco ha nominato Michele Gallifuoco come nuovo assessore del Comune di Manfredonia, con delega all’Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, per l’esercizio delle seguenti funzioni:
– Controllo della qualità dell’aria, delle acque e del suolo per la tutela della salute;
– Igiene della Città;
– PEC (Piano Energetico Comunale);
– Risparmio energetico;
– Energie rinnovabili;
– Controllo dei servizi ambientali effettuati dall’ASE S.p.A.;

– Educazione e sensibilizzazione alla raccolta differenziata;
– Ciclo dei rifiuti;
– Contrasto allo smaltimento irregolare dei rifiuti;
– Vigilanza sull’inquinamento acustico, luminoso e da sorgenti elettromagnetiche;
– Bonifica ex Enichem e discariche.
“Al nuovo assessore va il nostro ‘in bocca al lupo’ e… rimbocchiamoci le maniche”, ha concluso Angelo Riccardi.
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright