The news is by your side.

Lunedì 4 aprile collaudo per il ponte “Candelaro”

37

Farina: "La Provincia mantiene gli impegni assunti". Sarà sottoposto a collaudo il prossimo lunedì 4 aprile, alla presenza dell’assessore provinciale ai Lavori Pubblici Domenico Farina e del dirigente Emanuele Bux, il ‘Ponte del Candelaro’.  Un’opera importante, alla cui realizzazione l’Amministrazione provinciale ha impresso una netta accelerazione, anche per il contributo che essa potrà dare alla riduzione dei disagi di circolazione connessi agli interventi di messa in sicurezza della Strada provinciale 141 (delle Saline) e alla sua conseguente temporanea chiusura al traffico. “Avevamo assunto formalmente l’impegno di fare quanto possibile per limitare al massimo le difficoltà derivanti dalla momentanea chiusura di un’arteria tra le più trafficate della nostra rete viaria provinciale e, ancora una volta, abbiamo mantenuto la nostra promessa – commenta l’assessore di Palazzo Dogana – La percorribilità del ‘Ponte del Candelaro’ permetterà il disegno di un tragitto più breve e meno difficoltoso per gli utenti che frequentano la !riviera sipontina e l’area compresa tra Manfredonia e Zapponeta”.Un risultato che secondo Domenico Farina segna la misura della rilevante capacità di programmazione dell’Amministrazione provinciale in materia di opere pubbliche e, aspetto non secondario, lo spirito di concordia che anima ogni azione politica e amministrativa dell’Ente. “La cronaca di queste ultime settimane – sottolinea il titolare della delega ai Lavori Pubblici – ci ha raccontato come una partita complessa come quella relativa ai lavori sulla Strada provinciale 141 sia stata chiusa rapidamente e con successo, tutelando il diritto alla sicurezza dei cittadini e, nel contempo, le legittime esigenze commerciali degli operatori turistici. In poco meno di un mese – evidenzia Farina – abbiamo sbloccato l’avvio degli interventi manutentivi e dialogato con gli imprenditori giungendo ad una soluzione condivisa che prevede, nel periodo di chiusura della strada, un allargamento della sua apertura non soltanto ai residenti, ai frontisti e ai titolari delle strutture ricettive ma an!che agli operatori e ai fruitori dell’offerta turistica”.“Sin dal momento in cui abbiamo determinato l’avvio del lavori, considerando necessario un loro immediato sblocco alla luce dell’elevato tasso di mortalità registrato sulla Strada provinciale 141, ci siamo posti il problema di come attivare una ‘rete di protezione’ per gli interessi economici di quanti operano nell’area oggetto dell’intervento – spiega l’assessore provinciale – Dapprima convocando a Palazzo Dogana un incontro con le loro rappresentanze e successivamente ipotizzando le soluzioni più idonee a perseguire e raggiungere questo obiettivo. Il risultato ottenuto è ampiamente positivo, a riprova della bontà dell’attività di coordinamento condotta dalla Provincia, che si è fatta carico di immaginare e realizzare la strategia migliore per difendere un segmento importante della nostra economia provinciale come quello dell’industria turistica”.“In questa vicenda – conclude Farina – è stato dimostrato concretamente il ruolo autorevole e propositivo che la Provincia di Foggia sa svolgere. E che la nostra disponibilità al confronto costituisce un valore aggiunto per l’intera comunità di Capitanata, come d’altro canto riconosciuto anche dai sindaci dei Comuni interessati nella difficile trattativa relativa alla costruzione del ‘cavalcaferrovia’ in zona ‘Giardinetto’”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright