The news is by your side.

Puglia quarta per reati ambientali

16

“Nella classifica generale dell’illegalità ambientale in Italia, la Puglia rimane stabile al quarto posto con 3.139 infrazioni accertate, 2.586 persone denunciate e 10 arrestate, e 1.221 sequestri effettuati”. Sono alcuni dei dati contenuti nel rapporto ‘Ecomafia 2011’, presentato a Bari da Legambiente Puglia. Alla presentazione dei dati, riferiti al 2010, sono intervenuti anche l’assessore alla Qualità dell’ambiente della Regione Puglia, Lorenzo Nicastro, e il consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e le forze dell’ordine, Giuseppe Stasolla.

Nicastro ha invitato “a riflettere su un dato: noi abbiamo un numero elevato di reati – ha detto – perchè abbiamo polizia giudiziaria e programmi operativi che funzionano. E sono virtuali le realtà delle altre regioni dove i reati si scoprono meno o non si scoprono e per cui si dice da voi se ne commettono di più”. “Diciamo – ha sottolineato – che da noi ci sono protocolli di intesa con le forze dell’ordine e le pubbliche amministrazioni che ci consentono di scoprire di più. Quindi la realtà virtuosa è la nostra”.

Dalle visite della Commissione parlamentare in Puglia – ha rilevato Stasolla – “oltre a una serie di illeciti nel campo dei rifiuti è emersa una grande criticità nell’aspetto gestionale dei rifiuti, che riviene spesso anche da contrasti tra gli enti locali. Anche il mancato raggiungimento degli obiettivi spesso è dovuto agli scontri tra soggetti diversamente impegnati. E invece – ha concluso – va rivolto un plauso alle forze dell’ordine e alla magistratura che hanno operato molto bene sul campo”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright