The news is by your side.

Vieste/ Mare, Gattarella e Borsa del Turismo

26

..e il nord Europa è conquistato. Via agli affari. Svedesi & co. Rapiti dalle nostre bellezze. Si rafforza il “brand Gargano”.

 

Il fascino del Promontorio foggiano non teme confronti. Prova superata al banco del mercato nordeuropeo che la “Borsa del Turismo del Gargano” ha messo a sedere ai tavoli dell’incontro tra la domanda e l’offerta, puntando alla creazione di opportunità di business per gli operatori del comparto turistico locale e al rafforzamento dei”brand Gargano” sui mercati internazionali. Presso il “Gattarella. Resort” di Vieste si è svolto per l’intera giornata di ieri il momento commerciale della vetrina di promozione dedicata agli operatori del comparto turistico locale al via dallo scorso 19 giugno che con la visita guidata in programma oggi a Mattinata termina gli appuntamenti della sua terza edizione. Provenienti dalla Norvegia, Svezia, Danimarca, Olanda, Francia, Regno Unito, Polonia, Finlandia i buyer che hanno preso parte al workshop internazionale, occasione per le strutture ricettive foggiane per presentare la proposta turistica del Gargano. Successo per hotel, residence e villaggi turistici della costa, che hanno saputo vendersi bene e meglio anche grazie alle opportunità di conoscenza dei territori offerte dalla consueta formula degli educational tour, questa volta itineranti. “Cercherò di portare tanti gruppi in questa bellissima zona che mi sembra non ancora toccata dal turismo, rimasta agli origini”, ha promesso Angela Marchese, tour operator tedesca per “ReiseService Italia”. A colpirla il mare e la cucina tipica. E il contatto con la gente, che “è diversissimo rispetto alle zone del Nord Italia in cui sono stata”. Da circa due anni la ventiduenne per metà di origini italiane lavora nel settore del turismo, ma dalla Germania, fino ad oggi, ha organizzato viaggi di scoperta in Italia che non hanno mai toccato la Puglia. “Organizzo viaggi per gruppi di clienti tedeschi, per lo più anziani in pensione”. Si tratta di gruppi di un minimo di 30 e un massimo di 50 persone, interessate all’accoglienza in strutture a 4 stelle. “Cercano viaggi di cultura, non preferiscono il mare -precisa- ma sono interessati a conoscere le produzioni locali e questo territorio ne è ricco”. Per la giovane tour operator tedesca in rappresentanza delle 500 agenzie associate, il”Palace Hotel” e il “Portonuovo” di Vieste, tra le proposte raccolte nella mattinata di ieri, sono le due strutture maggiormente confacenti alle richieste della sua clientela disposta a spendere anche per i 5 stelle e interessata alle visite guidate e ai ristoranti di qualità. Disposti a spendere senza risparmiare confort alla propria vacanza anche gli svizzeri alla ricerca di genuinità. “Al giorno d’oggi —osserva Francesco Marchionni di “Swiss Residence Italia”-, la clientela per il valore della sua vacanza non bada a spese e ora che abbiamo i voli diretti Zurigo-Bari si ampliérà ancora di più questo target. Organizziamo viaggi individuali, per famiglie con uno o due bambini e quello che cercano è godersi in tranquillità le proprie vacanze”. In villaggi turistici a poca distanza dal mare. Le bellezze del Gargano non erano sconosciute al tour operator della Svizzera mentre si è trovata sorprendentemente ad apprezzarle per la prima volta la danese Ingrid Larsson, dell”Italiensk Forum/CasaMia”. “Ero in aeroporto a Bari lo scorso settembre e da una foto che mi ha mostrato una ragazzo che ho incontrato lì ho visto per la prima volta il Gargano e ho detto: devo andare li”. Più che un’agenzia il suo è un Club che raccoglie all’incirca 200 soci interessati a vivere avventure e viaggi legati all’identità storico-culturale dei territori, alle produzioni enogastronomiche tipiche e alle bellezze artistiche e paesaggistiche. Non sono alla ricerca di una tipologia di accoglienza in particolare. Quello che conta è che le strutture siano inserite in un contesto “non rumoroso e tranquillo”, per vivere “come è stato nell’albergo che ci ha ospitati nel centro di Rodi, un’esperienza di conoscenza fatta di passeggiate e finestre spalancate sulla vita della comunità del posto”, semplicemente affacciandosi al balcone della propria stanza. Per i suoi clienti francesi, quello che cercava Antonio Guarente alla “Borsa del Turismo del Gargano” non l’ha trovato. “I residence sono davvero belli e di qualità, ma sono specializzato in agriturismo e perché sono le strntture in cui i francesi vogliono trascorrere le proprie vacanze e pensavo che in una terra di biodiversità come il Gargano potesse esserci una buona offerta”. L’unica agriturismo che si è presentato al suo tavolo l”Agriturismo Giorgio” di Mattinata. “La mia clientela vuole la formula charme -aggiunge-, cerca le suggestioni della campagna e in questi territori, la vicinanza al mare e la presenza della foresta sono il surplus”. Quella in agriturismo è la “vacanza alternativa” in tempi di crisi economica, sostiene, prediletta da famiglie di 4-5 persone che con 7-800 euro si concedono la libertà di cucinare nelle masserie o gustare i prodotti del menù tipico. Soddisfatta oltre ogni aspettativa Joanne Lynn di Riviera Travel che confeziona vacanze per i suoi clienti inglesi. “Nei nostri pacchetti per Lecce questo è il primo anno -riferisce- che abbiamo inserito anche il Gargano. A luglio torneremo con il direttore dell’agenzia a visitare le strutture. Ho raccolto 3-4 proposte interessanti che dobbiamo valutare”. Ho raccolto 3-4 proposte interessanti che dobbiamo valutare”.Alla proposta culturale della visita nella barocca città d’arte salentina il Gargano fa da contorno con le sue spiagge che attirano numerosi turisti anche dalla Polonia. “Abbiamo già organizzato viaggi a Vieste —spiega Beata Romaniuk di “Varsavolo Trave!”- e adesso stiamo valutando anche altre mete per le vacanze balneari che organizziamo a luglio e agosto e mi ha colpito molto la possibilità di fare escursioni in foresta, prevista nei pacchetti di alcune delle strutture che ho incontrato, Palace San Michele, Baia del Monoco, e sicuramente anche questa struttura che ci ospita è interessante da proporre”. Riscontri positivi all’esito della BtG 2011 anche da parte dei seller. “I mercati del Nord Europa sono molto interessati al Gargano”, osserva Mario D’Amore dello staff de! “Gattarella Resort”. I periodi a cui sono maggiormente interessati sono l’apertura e chiusura, i mesi di maggio e ottobre, della bassa stagione, con richieste per gruppi anche fino a 100 persone. “Quello che cercano -spiega non è la classica vacanza sotto l’ombrellone. Non se ne stanno seduti in spiaggia, ma vogliono visitare i luoghi, conoscere la storia e la cultura e cercano pacchetti che includano anche possibilità di compiere escursioni per vivere un’esperienza a 360°. Per il resort di Girolamo Notarangelo che quest’anno ha ospitato la terza edizione de!workshop il tavolo della contrattazione ha prodotto non pochi contatti interessanti, facilitati dalla possibilità di visitare l’incantevole struttura che disegna l’accoglienza turistica lungo la litoranea viestana. Anche il residence “Alba Chiara” traccia un bilancio più che positivo della sua partecipazione al workshop. “Già lo scorso anno
-riferisce Maria Nobiletti- per noi è stato un successone con gli operatori del Nord Europa con i quali non avevamo mai avuto contatti prima. Quelli della Norvegia e della Danimarca , in particolare, sono alla ricerca di posti nuovi da esplorare, a contatto con la natura e la cultura, cucina e tradizione. La difficoltà è sempre nei collegamenti, ma da quest’anno l’Airbus ci ha aiutato molto”. E’ la viva voce dei buyer ospiti a raccontare il successo dell’edizione 2011 della BtG che dal prossimo anno farà il paio con la”Bitrel”.

Roberta Fiorenti
L’Attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright