The news is by your side.

Vicenda TARSU a Vieste – L’opposizione: “Sospesa affissione di un nostro manifesto”

28

Il manifesto censuratoQuesta mattina avrebbe dovuto essere affisso un manifesto a firma  “Per un’altra Vieste”, PD e SEL avente come titolo “DIMISSIONI”, per il quale sono stati pagati i relativi diritti di affissione. E’ stata sospesa l’affissione in attesa di un superfluo parere legale. Non è mai accaduto prima.

L’art 21 della Costituzione Italiana, infatti, stabilisce che: “tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”

Il diniego all’affissione, di fatto, rappresenta un  vero e proprio attacco ai diritti della libertà di espressione. Siamo in Italia e l’Italia è una Repubblica democratica, non un regime totalitarista e Vieste fa parte dell’Italia.

E’ in atto un tentativo di ridurre al silenzio la voce di cittadini che dissentono in maniera democratica.

Non ci fermeremo. Abbiamo diffidato il sindaco ad autorizzare immediatamente l’affissione dei manifesti e abbiamo investito i nostri parlamentari. In assenza di un riscontro positivo adiremo le vie legali.

E’ bene che il sindaco e i suoi amici comincino ad abituarsi all’idea che esiste una città che non dorme, che non si inchina ai soprusi, ma che li piantonerà affinché rispettino le regole della democrazia.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright