The news is by your side.

Sergio Rubini “a cuore aperto” stasera lo spettacolo a Vico

59

Musica e parole, rime e . . immagini: Sergio Rubini apre il suo cuore a quanti vorranno ascoltare le sue confidenze in rima, questa sera all’anfiteatro Carlo Hintermann di Vico del Gargano.

 «A cuore aperto. Voci del Novecento da Neruda a Sanguineti» è il titolo del recital che l’attore e regista pugliese porta in scena nel centro garganico che da anni ormai punta anche sul teatro di qualità per le serate dei turisti affezionati alla montagna del Sole. Un recital con musica e canzoni dal vivo, ed infatti Rubini sarà accompagnato da un terzetto composto da pianoforte, contrabbasso (Marco Loddo) e batteria (Emanuele Smimmo), che eseguirà la musica composta per l’occasione dal pianista barese Michele Fazio. Pablo Neruda a Edoardo Sanguineti, recita il sottotitolo dello spettacolo, ma anche Cesare Pavese e Jaques Prévert, passando per Totò ed Eduardo de Filippo: i testi scelti dall’attore per questo spettacolo, che ha debuttato al teatro Petruzzelli di Bari, vogliono sottolineare i legami della poesia con il mondo delle Immagini, ovvero il cinema, la vera
rivoluzione culturale del secolo breve. Le rime evocano immagini, Immagini che fanno sognare e parlano al cuore. E sebbene il titolo faccia un espresso riferimento ai poeti del Novecento, non mancano intrusioni in periodi un po’ più lontani, dal Seicento di Shakespeare al più vicino Ottocento di Giacomo Leopardi. Poeti incontrati addirittura sui banchi di scuola e portati con sè nel corso degli anni, poeti conosciuti più tardi. Uno spettacolo che promette di non essere codificato, immutabile ma aperto all’improvvisazione, libero nelle interazioni: con il pubblico presente, con i musicisti, con la verve, l’estro del momento, la professionalità dell’attore che in una un’occasione ha confessato di aver confezionato uno spettacolo con testi da lui amati e recitati a volte solo a se stesso, ad alta voce. Recite che diventano uno spettacolo per andare incontro al bisogno che la gente ha ancora di parole. Lo spettacolo è alle 21, all’anfiteatro «Carlo Hintermann» in via de Gasperi, botteghino alla Tabaccheria Angelicchio, tel. 0884-991333

Stefania Labella


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright