The news is by your side.

Il Golf per rilanciare il turismo Gelsomino e Martucci ci credono

18

Regio Hotel e Baia degli Aranci in un progetto apripista.

 

Il golf in provincia di Foggia per destagionalizzare, strizzando l’occhio al Nord Europa che dello sport sul green ne va pazzo. L’idea di un Consorzio ad hoc è nata grazie alla sagacia di quattro soggetti imprenditoriali noti del nostro territorio: la Califano srl che ha in gestione il Regio Hotel Manfredi di Manfredonia, il Camping Village Baia degli Aranci srl, Gattarella spa e Immobiliare Nunzio Caccavo srl.
“Abbiamo unito gli sforzi — ha detto Gelsomino – la nostra è un’azione imprenditoriale che vuole attirare più gente possibile. Ovviamente l’idea è destagionalizzare. Siamo tutori di progetti del genere. Certo, nei mesi freddi subiamo perdite importanti ma cerchiamo di limitare i danni. E chiaro che bisognerà puntare maggiormente sul turismo, un segmento del nostro business che ancora non è stato valorizzato appieno. Per farlo ci affidiamo a progetti come questo, utili a potenziare le strutture rendendole più appetibili”. Ed è qui che entra in gioco anche il golf, allo scopo di “diversificare”. “L’intento è creare ciò che non c’è. L’augurio è che altri imprenditori facciano lo stesso portando in Capitanata idee nuove. Un polo del golf può attirare molti turisti. E uno sport in fase di sviluppo e vogliamo cogliere l’occasione per imporlo anche qui da noi”.
All’attività sportiva saranno abbinati interventi utili al potenziamento del Regio Hotel. Nel programma di investimenti è previsto anche l’ammodernamento della struttura. Inoltre saranno realizzati ulteriori 60 posti letto in strutture distaccate dal corpo alberghiero. L’intervento prevede anche la realizzazione di servizi definiti “funzionali” come il campo da calcio a 7, calcio a 5, ristorante e campo pratica da golf. Costo complessivo previsto dal programma di investimenti, così come dettagliato nel progetto di massima è. di 2.975.000 euro e le agevolazioni richieste relativamente alla realizzazione del programma di investimenti sono pari a 1.338.750 euro. “Puntiamo molto sullo sport — riferisce Gelsomino —, e sui campi in erba sintetica che a mio parere rappresentano il futuro. Credo fortemente in questo progetto e nell’entusiasmo di chi lo vuole realizzare. Con il rilancio del Gino Lisa sarà più facile intercettare i turisti considerato che il campo da 18 buche di Caccavo è a pochi passi dall’aeroporto”.
Possibilità di crescita del settore turismo anche per i gestori di Baia degli Aranci a Vieste. La famiglia Martucci affida a Francesca Ietto il proprio pensiero “Migliorare i servizi per essere più forti anche in mesi come aprile e ottobre. Crediamo in quel che facciamo. Anche per questo abbiamo puntato sul servizio airbus per avere un collegamento diretto con aeroporti di Bari e Foggia. Insomma, si fa il possibile per dare ai turisti tutti i servizi. Ora, col golf, cerchiamo di avvicinare una fetta importante di turismo come quello dal Nord Europa. Abbiamo tutto per fare bene, il nostro clima è vocato a sport del genere”. Trovare unione di intenti con gli altri imprenditori del Consorzio non è stato difficile per i Martucci: “C’è una conoscenza di antica data con alcuni di loro e una stima di fondo che ha reso tutto più facile. S’è creata presto una compagine importante. Adesso speriamo che attorno a noi si crei una rete e che altri imprenditori possano lavorare a progetti del genere. Operiamo per crescere qualitativamente e nell’immagine. Crediamo in quello che facciamo”. Nel dettaglio, Baia degli Aranci provvederà al ri-ammodernamento delle strutture viestane del lungomare Europa. L’intervento prevede anche un garage interrato, piscina coperta, centro benessere e realizzazione di un “percorso vita” su suolo in corso di acquisizione. Costo complessivo 1.171.660 euro con agevolazioni richieste relativamente alla realizzazione del programma di investimenti sono pari a 527.220 euro. Si attendono le ultime pratiche burocratiche, poi l’inizio dei lavori. Il golf sta arrivando e il 2012 potrebbe essere l’anno giusto per i seguaci di Tiger Woods.
Francesco Pesante
L’Attacco
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright