The news is by your side.

Minervini: ‘In Puglia per le infrastrutture in campo progetti

7

Si comincia a fare sistema sulle infrastrutture in Puglia. E’ questo il risultato della seconda riunione della Cabina di regia istituita con Puglia corsara, il programma per lo sviluppo delle infrastrutture strategiche e della piattaforma logistica regionale.  Presenti i rappresentanti degli enti territoriali e dei settori vitali dell’economia come Confindustria, Confapi, Aeroporti di Puglia, le autorità portuali, il distretto della logistica e i segretari regionali dei sindacati confederali Cigl, Cisl e Uil. "La visione tracciata con Puglia corsara – ha spiegato Minervini – per ricucire le smagliature e connettere le diverse reti si sta traducendo attraverso i progetti finanziati e in corso di realizzazione con il miliardo e 50 milioni di euro di risorse sull’asse V del Fesr 2007-2013, a cui si aggiungono gli 800 milioni di euro per gli interventi infrastrutturali stanziati dal Piano Sud". Del primo nucleo importanti sono gli interventi sulle ferrovie: il grande progetto di ammodernamento della rete del Salento del valore di 120 milioni, i 74 milioni dell’elettrificazione della Bari-Taranto, i 180 milioni del raddoppio della linea Corato-Barletta, il potenziamento della San Severo-Apricena. Diversamente per l’assegnazione delle risorse del Piano Sud, quelle che permetteranno il potenziamento degli aeroporti pugliesi, la realizzazione del Distripark di Taranto, il collegamento delle piastre logistiche alla rete ferroviaria italiana, la messa in sicurezza di alcune arterie stradali regionali, è necessario un ulteriore passaggio. Dopo la delibera Cipe del 3 agosto, infatti, è attesa a novembre la convocazione del Ministero per gli affari regionali per la sottoscrizione del Contratto istituzionale di sviluppo. Di qui l’appello dell’assessore agli enti locali: "Avranno la priorità quei progetti che così come indicato dal Ministero dispongono della progettazione preliminare e di un crono programma definito. Per questo serve la massima attenzione". Ci sono poi le tre infrastrutture di interesse sovra regionale. "Sono necessari – ha spiegato Minervini – ancora 3 miliardi per l’alta capacità sulla Bari-Napoli. Per il raddoppio della Termoli-Lesina, Rfi consegnerà al Ministero delle infrastrutture e a quello dei Beni Culturali una nuova ipotesi di progettazione che potrebbe mettere subito in sicurezza i binari in prossimità del fiume Fortore. Infine il progetto preliminare del nodo ferroviario di Bari deve ancora passare dal Cipe per l’approvazione. Su queste opere il compito di tutti i soggetti della Cabina di regia è quello di tenere alta la temperatura ed esercitare la massima pressione". Di fronte al grande interesse per le questioni e alla richiesta di un puntuale monitoraggio dello stato di avanzamento di tutti i progetti, anche al fine di individuare eventuali procedure semplificate di approvazione, la cabina di regia tornerà presto a riunirsi.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright