The news is by your side.

Pdl/ Il sindaco Ersilia Nobile ha mostrato i muscoli alla minoranza..

9

Dopo tante arringhe nei lunghi Consigli Comunali precedenti tra gli agguerriti Consiglieri di minoranza ed il Sindaco Ersilia Nobile,  il Consiglio Comunale del 13 ottobre scorso ha visto finalmente la maggioranza far quadrato intorno ad Ersilia Nobile che aveva bisogno di questa risposta politica. La maggioranza quindi smentisce le voci di una disgregazione circolate alla vigilia del Consiglio Comunale lanciando un segnale di compattezza.
Lo scoglio delle sentenze TARSU e quello ancor più duro degli equilibri di bilancio, a parere di molti (scettici del Centro Destra)…doveva segnare la fine dell’Amministrazione Nobile…invece è accaduto il contrario, il nuovo esecutivo inizierà proprio da questa prova il suo nuovo percorso.
Un Consiglio Comunale che è durato meno di 7 ore in cui si è sviluppato un dibattito politico con l’opposizione sempre all’attacco, in particolare il capogruppo di “un’altra Vieste” Annamaria Giuffreda che ha continuato a replicare con faziosità le ”solite” accuse all’amministrazione Nobile.
In tutti gli accapi posti all’ordine del giorno la Giuffreda ha cercato di mettere in risalto la sua (presunta) superiorità morale in politica, scatenando la reazione del Sindaco Ersilia Nobile che ha replicato con atti e documenti alle accuse.
Una maggioranza agguerrita e determinata che ha replicato punto su punto.
“Mimì …il centurione” nel suo intervento molto critico, sulla vicenda TARSU, ha sfoggiato il suo miglior repertorio: annientare amministrativamente il Sindaco Ersilia Nobile ed il suo esecutivo. Ha detto di tutto e di più, un distinguo morale che ha finito col provocare l’assessore Nicola Rosiello che ha rispedito al mittente le varie accuse. Un batti e ribatti stucchevole sul piano puramente politico. Il sindaco Nobile ha mostrato i muscoli e soprattutto la forza di un’amministrazione dimostratasi granitica.

IL CONSIGLIO COMUNALE
I primi accapi posti all’ordine del giorno sono stati trattati in breve tempo, senza lunghe discussioni, interessante la mozione di Anci Giovani proposta dall’Assessore Gaetano Zaffarano riguardante: “iniziative di contrasto alle mafie e di sviluppo della legalità e della trasparenza da parte degli Enti Locali”….impegno per i Comuni a costituirsi parte civile nei procedimenti per mafia afferenti il proprio territorio comunale.
Sono intervenuti, finalmente con argomentazione seppur in contrasto tra loro, il capogruppo Annamaria Giuffreda che in un passaggio si è detta delusa dalla relazione dell’Assessore Gaetano Zaffarano che non ha, a suo dire, sufficientemente argomentato. Delusa anche dai giovani consiglieri che non sono intervenuti su un argomento così importante, come non è mancata l’accusa al Sindaco Ersilia Nobile.
Mimì Spina ha toccato vari temi criticando il giovane Assessore reo di non aver concordato tra le parti una così importante proposta. Poi ha rivolto le accuse al Sindaco responsabile di non aver creato strumenti adeguati per fronteggiare tale fenomeno: politiche sociali ed educative, a suo dire, assenti negli ultimi anni. A fine intervento Spina Diana ha dato la sua disponibilità al miglioramento e quindi ad una nuova stesura della proposta.
Tecnico l’intervento del Capo Gruppo del nuovo Centro Destra Antonio Montecalvo che ha parlato del fenomeno criminalità ormai diffuso sul Gargano e che vede la nostra città tra le mete o prede preferite. Anche Montecalvo ha dato la sua piena disponibilità a collaborare per migliorare il documento condiviso da tutti gli schieramenti.
Nicola Rosiello con il suo intervento ha rimesso a posto gli animi un po’ agitati dopo l’intervento di Spina Diana…”ritengo – ha detto – che su questo argomento non bisogna contrapporsi, secondo me – ha sottolineato Rosiello – questo è il momento dell’ascolto ed è giusto che l’opposizione esprima la sua opinione al riguardo”…….”l’Amministrazione ha sempre messo in atto iniziative sia di prevenzione che di repressione al fenomeno delinquenziale…purtroppo non ha fatto conferenze stampa per evidenziare la sua incessante attività (risposta a Giuffreda che ha asserito che il Sindaco non ha fatto nulla al riguardo)”……”il Sindaco sin dal primo giorno – ha detto ancora Rosiello – è stato in prima linea con gli strumenti adeguati che sono verificabili, impiegando risorse ed ottenendo risultati concreti con il potenziamento delle Forze dell’ordine con unità speciali. Il Sindaco ha pagato in prima persona le ritorsioni”….
Un intervento politico, quello di Rosiello, che ha messo in evidenzia, in particolare, l’impegno nella passata Amministrazione del Sindaco Nobile alla lotta alla criminalità.
Sui tanti accapi riguardante gli equilibri di bilancio, sono stati discussi i 14 ricorsi TARSU e riconosciuto il debito fuori bilancio, l’intervento più circostanziato è stato del Consigliere Mauro Clemente. Spina e Giuffreda si sono accodati con affondi simili.
Nicola Rosiello ha tracciato la rotta per la sua maggioranza spiegando in tutte le sue parti il documento presentato in Consiglio. Dopo gli interventi, i 14 accapi riguardante i ricorsi TARSU e l’accapo riguardante gli equilibri di bilancio hanno ottenuto la seguente votazione: favorevoli 10 (quelli della maggioranza), contrari 5 della minoranza, astenuti 2 del nuovo Centro Destra.
Un Consiglio Comunale che ha evidenziato politicamente il cambio di strategia del “nuovo Centro Destra”. La maggioranza attraverso la linea politica di Nicola Rosiello ha mostrato i muscoli. I suoi interventi sono risultati i più efficaci tanto da far perdere la trebisonda a una minoranza che ha dimostrato più che mai i suoi limiti.
                                         
                                     Segreteria Politica della PDL di Vieste


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright