The news is by your side.

Capitanata /E’ emergenza rifiuti le discariche scoppiano quelle previste non esistono

11

L’emergenza rifiuti più che un rischio potrebbe diventare una certez­za. Di qui a novanta giorni. Le di­scariche attive in provincia di Foggia sono ormai al collasso, quelle che do­vevano essere attivate non sono nean­che state «abbozzate» come scavo.

Così alla cronica situazione di difficoltà le­gata alla raccolta dei rifiuti a Foggia, e che nelle ultime ore è gradualmente rientrata nonostante le criticità forti in alcune zone periferiche e al villaggio artigiani, si potrebbe appunto aggiun­gere quella dello smaltimento dello stoccaggio dei rifiuti.La discarica «Forcone Cafiero» di Cerignola, che raccoglie anche i rifiuti dei comuni del Gargano, è stata ria­perta per soli novanta giorni ma in seguito ad una ordinanza dell’Ammi­nistrazione provinciale di Foggia che si è assunta la responsabilità di questa «forzatura» per motivi igienici e di ordine pubblico. La discarica di Foggia, quella di «Passo Breccioso», è ormai in esaurimento da tempo. Negli ultimi
giorni è stato autorizzato l’elevamento di qualche metro (ormai Passo Brec­cioso sembra una collina nel centro del Tavoliere), ma questo prolungamento in verticale non risolve i problemi che, invece, sono legati al completamento della discarica di «soccorso», sempre in località Passo Breccioso, che dovrebbe
coadiuvare il lavoro di trattamento dei rifiuti dell’impianto di biostabilizza­zione dell’azienda Amica, uno dei più grandi della Puglia. Per mettere a «re­gime» la discarica di soccorso occor­rono – secondo una stima comunque approssimativa – circa trecentomila eu­ro utili a realizzare un muro di con-
tenimento della stessa discarica che, come area interessata, avrebbe come dire «sconfinato» in una zona protetta. Poi c’è la questione della discarica di San Nicandro Garganico, che avrebbe appunto dovuto servire i comuni del promontorio che oggi sversano a Ce­rignola, impianto che è rimasto solo sulla carta ma che con il suo incep­pamento rischia di far saltare tutto il ciclo dei rifiuti.
Di questa «mappa delle discariche» si discuterà oggi a Bari presso la Regione Puglia nel secondo vertice dedicato appunto all’emergenza rifiuti di Foggia e della Capitanata dopo la riunione tenuta venerdì scorso nel capoluogo dauno presso la Prefettura presente anche la Regione con l’assessore all’ambiente, Nicastro ed i vertici del servizio rifiuti e ambiente. Una riu­nione, quella odierna, che potrà forse fornire qualche elemento utile in più per l’eventuale entrata in funzione del­la discarica di soccorso di «Passo Brec­cioso» a Foggia ma che difficilmente potrà risolvere quello di San Nicandro Garganico.

Filippo Santigliano


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright