The news is by your side.

Gal Gargano si litiga fra i soci chiesta un’assemblea urgente per fare il punto

4

Oggi alle ore 10,30 è stata convocata presso la sede della Comunità Montana del Gargano, in via Sant’Antonio Abate 119, l’assemblea del Gal Gargano.

L’assemblea è stata richiesta ai sensi dello statuto (articolo 14) da circa il 40 per cento dei soci facenti parte dell’organismo che, va ricordato, è deputato allo sviluppo del territorio. La percentuale dei soci che ha
richiesto la convocazione dell’assemblea di oggi va comunque ben al di là di quella prevista dallo stesso statuto (10 per cento). Ciò denota come sia robusta la componente dei soci che puntano a cambiare alcune cose all’interno dell’organismo. La convocazione avviene in un clima denso di fibrillazioni, che ha dato vita ad una vigilia piuttosto agitata a causa proprio di alcune frizioni esistenti tra gli stessi componenti dell’assemblea. La richiesta (in via del tutto eccezionale) di convocazione dell’assemblea è stata avanzata per mezzo del presidente del collegio dei sindaci, in quanto il neo presidente del Gal Gargano, Gianfranco Tonti, che è stato eletto qualche mese fa (e che ha preso il posto di Vinicio Razionale), non avrebbe, sempre a parere di una parte dei soci, ottemperato nei trenta giorni previsti dalla legge, per convocarla. E che sarà battaglia, lo conferma anche la natura degli accapi presenti all’ordine del giorno, ovvero,la relazione del collegio dei sindaci, la revoca del consiglio di amministrazione e nomina di un nuovo consiglio di amministrazione. Il gruppo di azione locale Gargano nasce, come si ricorderà, in seguito alla stipula
del protocollo d’intesa (7/7/2000), tra l’ente parco nazionale del Gargano e la comunità montana del Gargano per la realizzazione dell’iniziativa comunitaria "Leader Plus".

Francesco Trotta


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright