The news is by your side.

La Regione Puglia vola in India per «vendere» altri film a Bollywood

15

L’annuncio è stato fatto dall’assessore Godelli a Foggia in un incontro sul sistema turistico della Capitanata
Namaste Bollywood, grazie India. E a ringraziare è la Capitanata. Dopo il successo del lungometraggio «Housefull» di Sajid Khan, finanziato da Apulia Film Commission e girato tra Vieste e Mattinata, a Baia delle Zagare, la Regione Puglia ha deciso di puntare ancora sul cineturismo indiano, un mercato ricco e in forte ascesa, per proporre l’intera provincia di Foggia sui mercati delle produzioni cinematografiche internazionali. Lo farà mandando due suoi rappresentanti in avanscoperta nella nazione di Gandhi: per «vendere» al meglio il prodotto Capitanata. «Presto un rappresentante di Puglia Promozione e uno dell’Apulia Film Commission partiranno alla volta dell’India», ha annunciato ieri l’assessora regionale al Turismo Silvia Godelli nel corso di un incontro sul sistema turistico di Capitanata organizzato a Foggia dalla Camera di Commercio. «Si tratta di una grande opportunità per la nostra Capitanata — ha affermato Eliseo Zanasi, presidente dell’ente camerale foggiano — e sono certo che questa operazione porterà grandi risultati e soprattutto molti turisti indiani sul nostro territorio. Certo, meglio se con un aeroporto a Foggia che funzioni».
Ancora non definiti nel dettaglio tempi e modalità della missione in India dei funzionari regionali, confermata anche da Silvio Maselli, presidente dell’Apulia Film Commission, fondazione che in quattro anni e mezzo di attività ha contribuito non poco alla visibilità della Puglia in Italia e all’estero. Grazie anche ai due Cineporti di Bari e Lecce. Il terzo, quello di Foggia, ipotizzato un anno fa dallo stesso Maselli, per ora dovrà ancora attendere per mancanza di fondi. A distanza di dodici mesi da quella intuizione, il disagio per registi, sceneggiatori e attori di Capitanata — costretti a raggiungere la Casa del Cinema di Bari all’interno della Fiera del Levante, dove trovano sede la stessa Apulia Film Commission e tutti gli uffici e le sale di produzione — resterà ancora per qualche tempo. «I fondi Fas che avevamo individuato per il cineporto a Foggia non sono mai arrivati — ha aggiunto la Godelli — ma non per questo ci siamo fermati. Quella sarebbe stata solo una struttura, mentre a noi ciò che interessa è incentivare le produzioni». Di qui la decisione di volare in India per promuovere le bellezze di Capitanata, una terra sulla quale la Regione ha già puntato i riflettori con varie iniziative come Bitrel, la Borsa del Turismo Religioso — evento che intende valorizzare i siti devozionali della provincia, primi tra tutti San Giovanni Rotondo e Monte Sant’Angelo, quest’ultimo inserito di recente nel patrimonio mondiale Unesco — e «Gargano Mare» , il Consorzio impegnato nella promozione del prodotto turistico garganico con manifestazioni fieristiche in Italia e all’estero.
A tutto ciò si aggiunge il progetto «Monti Dauni», illustrato a Foggia. Come evidenziato sia dal presidente Zanasi che dall’esperto di marketing territoriale Massimo Ceschin (che di questo progetto è consulente), il programma prevede, attraverso l’utilizzo di un finanziamento già disponibile di quattro milioni di euro, una campagna di promozione ad hoc per il Subappennino dauno, incentrata sulla valorizzazione dei prodotti enogastronomici di cui la zona è ricca, al pari dello straordinario patrimonio naturalistico ed ambientale, con l’obiettivo di fare dei Monti Dauni un posto di eccellenza sui mercati internazionali. Bollywood insegna.
Marzia Campagna


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright